• Google+
  • Commenta
25 luglio 2012

Il CDA boccia il Manifesto degli Studi proposto dal Senato

Il Consiglio d’Amministrazione dell’Università del Salento, nella seduta di questa mattina (28/07/2012), ha bocciato la proposta di modifica del sistema di contribuzione studentesca che permetteva agli studenti iscritti col DM 509 di accedere alla riduzione per merito.

 

Questo è il primo dato allarmate che giunge dal CDA. Con un colpo di spugna e senza una reale discussione i membri esterni, Paola Schwizer e Vittorio Emanuele Terzi, appoggiati dal Prof. Arachi e dal Prof. Sempi hanno bocciato la proposta di Manifesto degli Studi 2012\13, approvata all’unanimità dal Senato Accademico nella seduta del 17 Luglio 2012, che già comprendeva le modifiche al sistema di contribuzione proposte dall’Unione degli Universitari.

 

Come rappresentanti degli studenti riteniamo inaccettabile che persone che non conoscono la realtà dell’Università del Salento abbiano il potere di ribaltare le decisioni prese dall’unico organo realmente rappresentativo della comunità accademica. Inoltre è pesante la responsabilità del Rettore Laforgia che non ha tutelato le tutelato le decisioni prese in Commissione Tasse e nello stesso Senato Accademico.

 

Perlomeno le altre proposte di modifica (annullamento mora laureandi, scadenza terza rata al 31 Maggio, annullamento contributo straordinario del corso di ottica ed optometria e il posticipo periodo di riferimento esami) sono state ratificate anche dal CDA.

 

Come Unione degli Universitari non accettiamo questo tipo di decisione, per questo motivo valuteremo tutte le alternative per riportare la questione negli organi. Porteremo alla luce le cause e le responsabilità di ogni singolo corso di laurea nei percorsi didattici che portano gli studenti a diventare “fuoricorso”.

 

L’unica nota positiva della seduta di questa mattina è la decisione assunta dal CdA sui fondi dei servizi agli studenti residui dai bilanci 2010-11. Dopo un controllo richiesto nell’ultima Commissione Bilancio dall’UDU, si è scoperto in bilancio che le risorse residue sui capitolati di spesa dei servizi agli studenti (fondi cds, bandi diritto allo studio, rimborsi, ecc.) ammontavano a € 351.071,74.

 

Il Consiglio d’Amministrazione ha deciso di destinare: € 89.037,36 al Consiglio degli Studenti, in quanto erano state ad inizio anno destinate meno risorse di quanto stabilito in Statuto; € 68.825,56 per l’acquisto del sistema antitaccheggio per la Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali e per l’ex Biblioteca di Lingue, in quanto già deciso in una delibera dello scorso anno; infine € 193.208,82 sono state momentaneamente destinate per il bando di contratti di collaborazione studentesca per A.A. 2012\13, ma entro Ottobre la Commissione Diritto allo Studio, dopo una revisione dei bandi, potrà proporre una diversa destinazione per i fondi.

 

Infine il CDA ha affidato la partecipazione dell’Università alle imprese Spin Off direttamente alla Fondazione. Questa delibera è stata approvata nonostante i dubbi espressi dai componenti del consesso e il voto contrario del rappresentante dell’UDU. Questa decisione non aiuterà di certo a rimuovere i dubbi presenti sul tema.

Immagine tratta da http://www.iltaccoditalia.info/sito/index-a.asp?id=15289

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy