• Google+
  • Commenta
25 luglio 2012

MTN Company a Monaco con Linde Burkhardt

Prestigiosa ribalta internazionale per MTN Company, che sarà “in vetrina” al Museo Internazionale del Design di Monaco di Baviera, in Germania.

 

L’agenzia di comunicazione integrata di Cava de’ Tirreni (Sa) ha, infatti, curato e realizzato la progettazione grafica ed editoriale del catalogo “Il corredo della Principessa di Trebisonda” di Linde Burkhardt. Una pubblicazione che accompagnerà la relativa esposizione della nota artista e designer presso il “Die Neue Sammlung – The International Design Museum” di Monaco.
Gran bel “colpo”, dunque, quello “piazzato” dall’agenzia metelliana amministrata da Carmine D’Alessio, che ha messo la sua creatività al servizio di una “committenza” così rilevante. Moglie del famoso storico e critico dell’architettura e del design François Burkhardt, Linde è a sua volta un’apprezzata designer ed artista. Critico d’architettura e di design, insegna, dipinge, progetta ed organizza mostre. Fondatrice con il marito del gruppo “Urbanes Design” ad Amburgo nel 1964, ha collaborato alla realizzazione di vari interventi nello spazio pubblico ed è autrice di numerose pubblicazioni, collezioni ed esposizioni nei più prestigiosi contesti artistico-culturali.
Ed una “figura” di tale spessore internazionale ha scelto la MTN Company per la progettazione grafica ed editoriale del suo catalogo, che risulta ulteriormente impreziosito dagli interventi di grandi “firme”. Su tutti il Direttore Generale del “Die Neue Sammlung – The International Design Museum” di Monaco, Florian Hufnagel, il teorico, critico e storico d’arte tedesco Bazon Brock e l’architetto, designer ed artista Alessandro Mendini.
Il catalogo “Il corredo della Principessa di Trebisonda” è stato progettato e realizzato per “accompagnare” degnamente ed illustrare la relativa esposizione che Linde Burkhardt proporrà a breve presso il Museo Internazionale del Design di Monaco di Baviera. Saranno in mostra 7 sculture – pregiati pezzi d’arredo e di design – realizzati da Linde e rappresentanti le 7 città dell’Impero di Trebisonda che la Principessa Esther tanto amava.

 

A Trebisonda, località situata in Oriente, ad est di Bisanzio sulla costa meridionale del Mar Nero, dal 1330 al 1347 regnò l’Imperatrice Johanna, la quale aveva sentito che in Portogallo, dalla parte opposta del globo, viveva un giovane Re che era considerato l’uomo più coraggioso ed audace del mondo cristiano. A lui decise che sarebbe andata in sposa sua figlia Esther. Per questo l’Imperatrice inviò a Lisbona alcuni ambasciatori per portare al giovane Re il ritratto di Esther e ricchi doni.
Esther piacque molto al Re, che acconsentì di sposarla, mandando quindi la notizia a Trebisonda tramite i suoi messaggeri. Dopo centinaia di progetti fu costruita un’apposita barca per il viaggio, con un equipaggio composto da schiavi rematori e da due capitani a guidarla. L’Imperatrice a sua volta fece accomodare a bordo Esther ed i suoi eunuchi, vestiti di rosso porpora, che così presero il largo verso il lontano mondo occidentale. Non sapendo però, viste la notevole distanza e le difficoltà del viaggio, se Esther sarebbe mai più tornata indietro, l’Imperatrice le diede alcuni regali – 7 in tutto – che rappresentavano le 7 città dell’Impero di Trebisonda maggiormente amate dalla Principessa: Amastris, Amisius, Heraclea Pontica, Kerasus, Side, Sinope, Tios.
Questa la storia che ha “liberamente” ispirato Linde Burhkardt per le sue creazioni, nelle quali ancora una volta si palesa il variegato universo di possibilità creative che l’artista rivela al pubblico con i suoi lavori in ceramica. Il suo approccio sensoriale globale rappresenta una grande eccezione in un mondo artificiale e “fissato” con la specializzazione. E le sue diverse tecniche di lavorazione della ceramica, mai fini a se stesse, “servono” esclusivamente alla forma, al design ed al colore o alle loro valenze.

 

Tutti aspetti e qualità che potranno gustare i fortunati visitatori della mostra al Museo Internazionale del Design di Monaco di Baviera, ma anche i “lettori” del relativo catalogo realizzato da MTN Company.

Google+
© Riproduzione Riservata