• Google+
  • Commenta
25 luglio 2012

Polo Mezzalira, la facciata non regge. Studenti a rischio?

Un conto è un ateneo che per un motivo o per un altro non se la passa bene (discorso che di questi tempi vale per la quasi totalità delle università italiane), un altro è un ateneo che cade letteralmente a pezzi.

L’ultimo caso di degrado strutturale è stato documentato a Vicenza. Nella fattispecie, è il polo denominato Area Mezzalira (in memoria dell’imprenditore Rinaldo Mezzalira) a presentare gravi imperfezioni nella progettazione; difetti congeniti in grado, a quanto sembra, di mettere in pericolo l’incolumità fisica degli studenti.

Ad accendere la miccia, la denuncia dell’onorevole Sergio Berlato, coordinatore provinciale del Popolo della Libertà.  I rischi sarebbero legati in particolare ad una delle facciate dello stabile, composta da lastre di marmo alquanto fatiscenti.

Secondo l’opinione di Berlato, la facciata versa in condizioni talmente pietose ed inaccettabili da rendere addirittura necessaria l’istituzione di una commissione d’inchiesta per chiarire le responsabilità.

Le lastre di pesantissimo marmo della facciata, la cui qualità meriterebbe un’ adeguata verifica da parte di tecnici competenti, hanno cominciato a sgretolarsi e a cedere nei punti di ancoraggio – spiega il coordinatore – , rappresentando così un serio pericolo per chi si trova a passarvi sotto”.

Ma il vero guaio è che le magagne strutturali della facciata “si estenderebbero a tutti i rivestimenti lapidei”. In parole povere, Berlato è del parere che l’intera area andrebbe chiusa ed isolata fino a nuovo ordine, onde evitare che qualcuno si faccia male sul serio.

Ma il coordinatore non si accontenta della messa in sicurezza dell’impianto; in una faccenda del genere è necessario andare a fondo, in modo da identificare le crepe in un progetto che ha peraltro comportato l’ennesimo sperpero di denaro pubblico.

Il suo auspicio è che un’eventuale commissione d’inchiesta aiuti a “comprendere le cause della situazione venutasi a creare e le eventuali responsabilità dei progettisti, delle imprese e di tutti i soggetti coinvolti nella costruzione dell’opera, perché in tempi in cui è doveroso utilizzare in modo corretto e parsimonioso le poche risorse disponibili, questa vicenda rappresenta un esempio di amministrazione meritevole di adeguata valutazione”.

Far luce sulla vicenda è oltremodo doveroso se si pensa che il polo dell’Area Mezzalira è stato completato appena tre anni fa. Una struttura dunque relativamente giovane, il che rende ancor più incomprensibile il degrado cui la facciata è ora prematuramente soggetta.

 

fonte immagine: http://www.fittgroup.com

Google+
© Riproduzione Riservata