• Google+
  • Commenta
17 agosto 2012

Alternative e low cost per le vacanze con Legambiente

Alternative e low cost per le vacanze con Legambiente
Alternative e low cost per le vacanze con Legambiente

Alternative e low cost per le vacanze con Legambiente

Alternative e low cost per le vacanze con Legambiente: ecco come fare e di cosa si tratta.

Qualche anno fa le vacanze nei campi di volontariato di Legambiente erano una prerogativa tipicamente giovanile, mentre ora soprattutto gli over 30 scelgono questa tipologia di vacanza. Sempre più persone vanno alla ricerca di vacanze diverse che permettono di vivere una bella esperienza con poche centinaia di euro.

Per quanto riguarda l’estate 2012, i primi dati testimoniano l’aumento delle prenotazioni nei Campi di Legambiente, con un conseguente +10% e riguarda i 30-40/enni. I pernottamenti avvengono in strutture alternative, quali ostelli, scuole, rifugi, e consentono di essere a contatto con la natura incontaminata e spesso di andare in spiagge poco visitate anche in luglio e agosto.
Luca Gallerano, responsabile del settore volontariato di Legambiente  afferma che la crisi spinge a risparmiare pure sulle vacanze e per questo in tanti scelgono delle tipologie di vacanza low cost.  Nei campi di volontariato di Legambiente, spiega lo stesso Gallerano, si vive di natura e di progetti comuni e si impara anche a risparmiare. Inoltre, si impara ad essere più ‘green’ in tante piccole cose del quotidiano, allo scopo di salvaguardare ciò che ci circonda.  Chi non può fare a meno del mare, può puntare sullo Swimtrekking (trekking a nuoto), ovvero un viaggio in mare con maschera, boccaglio, pinne, muta, lungo le coste più suggestive, e alla scoperta di magici fondali e spiagge solitarie.

Non mancano poi le vacanze legalità, legate a progetti contro le ecomafie, che si concretizzano in campi dove si partecipa ad un lavoro comune al fine di ridare ad alcune zone difficili nuove prospettive di crescita e sviluppo.

Nello specifico,  Legambiente insieme all’Associazione Libera organizzano a Casale di Teverolaccio a Succivo (nella campagna casertana) una serie di iniziative per ridare nuova vita al suggestivo ‘angolo medioevale della Campania, dove è situata una masseria fortificata e una torre aragonese. Oppure si può varcare il confine e spaziare tra vari offerte di bio-vacanze: basti pensare a ciò che mette a disposizione la Francia. E magari si può decidere di soggiornare in una peniche sull’acqua, anche a Parigi, oppure  in un villaggio di iurte, splendide capanne nei pressi di Malo’ in Bretagna sulla costa d’Armor.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy