• Google+
  • Commenta
23 agosto 2012

La crisi si fa sentire: forte calo delle iscrizioni presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro

BARI 22/07/2012 All’Università degli Studi di Bari Aldo Moro si registra un forte calo delle iscrizioni ai test d’ingresso per accedere alle facoltà a numero chiuso disponibili presso la stessa struttura.

E’ ora di tirare un po’ le somme: la facoltà più gettonata resta Medicina e Odontoiatria con 3500 richieste per 322 posti; al secondo posto troviamo Medicina Veterinaria con 850 domande per 105 posti. Una situazione analoga si riscontra nei corsi di laurea in Chimica, Farmacia e Scienze Biotecnologiche con 4mila domande. Per le professioni sanitarie, che riuniscono i corsi di laurea che riguardano tutti i mestieri legati al campo medico, come Infermieristica, Logopedia, Fisioterapia, Dietistica, si calcolano 6mila domande per 769 posti a disposizione. Presso l’Università degli studi di Bari si registrano più possibilità di accedere alla facoltà di Scienze delle attività motorie a causa delle 480 domande per 80 posti. Un fortissimo calo ha colpito il corso di laurea di Medicina in inglese: solo 37 richieste per 30 posti disponibili.

Più opportunità di entrare al corso di laurea prescelto l’avranno coloro che hanno scelto le facoltà di Scienze della Formazione, Scienze dell’Educazione e Scienze della Comunicazione: si calcola il 23% delle possibilità per le facoltà umanistiche dell’Ateneo barese.

Dopo un attento confronto con i dati registrati per lo scorso anno accademico, è evidente il forte calo delle richieste di iscrizione ai corsi di laurea a numero chiuso dell’Università di Bari: nel 2011 vennero catalogate 19mila e 500 domande contro le 16mila e 700 dell’anno accademico 2012/2013.

Questo calo era stato già preannunciato dal Rettore Corrado Petrocelli, una riduzione dovuta alla grave crisi economica del nostro Bel Paese che ha portato le istituzioni statali a tagliare molti finanziamenti pubblici e all’impossibilità di molte famiglie di affrontare la spesa che comporta l’iscrizione universitaria.

Tuttavia il calo negativo si è registrato anche lo scorso anno rispetto ai dati rappresentanti l’a.a. 2010/2011. E’ da qui che ha origine il drastico calo delle domande presso l’Università degli studi di Bari: per le professioni sanitarie le 7639 richieste del 2010 sono divenute  6736 nel 2011; stesso discorso per Medicina: 3.459 nel 2010 e 3.431 nel 2011.

A fine mese saranno pubblicate sul sito dell’Università le aule con il numero dei candidati, distribuiti in ordine alfabetico. Gli stanzoni saranno ben sorvegliati da studenti e docenti dell’ateneo per evitare qualsiasi collegamento con l’esterno. Il Miur, il ministero dell’Istruzione e dell’Università, ha contattato l’amministrazione dell’Ateneo barese per poter ottenere un modello di organizzazione dei test, atto ad essere esportarlo anche in altre città.

Dunque, l’Università degli Studi di Bari si prepara per questo nuovo inizio, dando il meglio: per accedere bisognerà attraversare i metal detector. I ragazzi non potranno portare nulla all’interno; l’Università distribuirà tutto il materiale necessario per affrontare la prova, dai fogli di carta alle penne.

Immagine tratta da: http://www.brindisi.uniba.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy