• Google+
  • Commenta
3 agosto 2012

Offresi opportunità: Erasmus Placement

Siamo sempre disperatamente in cerca di opportunità che ci spediscano nella tanto in voga “esperienza all’estero”.

Ed ecco. Le opportunità ci sono, le università le offrono, ma come un segreto da custodire nel cassetto, sembrano tenerle in sordina, lontane dalle grinfie degli studenti che altrimenti si accalcherebbero fuori dall’Ufficio Programmi Internazionali!

Le opportunità ci sono dunque, anche se le nostre università sembrano svogliate di fronte alla pubblicizzazione di queste.

E certo, perché quando si tratta di far iscrivere i giovani maturandi ai corsi universitari per svuotare il portafogli di papà in tasse, le nostre università sembrano non mettere un freno alle fantomatiche giornate di orientamento, ma quando si tratta di promuovere iniziative interessanti che “stipendino” lo studente, allora le notizie passano dai buchi della serratura e ci riscopriamo all’ultimo anno del nostro percorso universitario senza aver potuto usufruire della piena offerta formativa.

C’è da dirlo, è anche colpa nostra, dello studente che male informato si adagia su un’informazione approssimata e tira dritto per la sua carriera facendo dell’università un “esamificio”!

Ma torniamo a noi. Dicevamo che le opportunità interne all’università sono davvero infinite, e l’Erasmus Placement è una di queste.

Nell’ambito del Lifelong Learning Programme (LLP), il Programma Erasmus Placement è volto a promuovere l’attivazione di stage presso imprese o centri di formazione e di ricerca in uno dei Paesi Europei partecipanti al Programma.

Il Programma Settoriale Erasmus permette dunque agli studenti degli Istituti di istruzione superiore titolari di “EUC (Erasmus University Charter) estesa” di accedere a tirocini presso imprese, centri di formazione e di ricerca (escluse istituzioni europee o organizzazioni che gestiscono programmi europei) presenti in uno dei Paesi partecipanti al Programma.

Lo studente Erasmus, che può ricevere per il periodo di tirocinio un contributo comunitario ad hoc (500 €/mese ca.), ha l’opportunità di acquisire competenze specifiche ed una migliore comprensione della cultura socioeconomica del Paese ospitante, con il supporto di corsi di preparazione o di aggiornamento nella lingua del Paese di accoglienza (o nella lingua di lavoro), con il fine ultimo di favorire la mobilità di giovani lavoratori in tutta Europa.

Prima della partenza ogni studente Erasmus deve essere in possesso di un programma di lavoro (Training Agreement) sottoscritto dal beneficiario, dall’Istituto di istruzione superiore di appartenenza e dall’organismo di accoglienza.

Il periodo del tirocinio deve essere coperto da un contratto di tirocinio sottoscritto dal beneficiario e dall’Istituto di istruzione superiore o consorzio di partenza.

Gli studenti interessati devono presentare la candidatura presso l’Ufficio Erasmus del proprio Istituto, entro la scadenza prefissata negli specifici bandi.

 

Fonte foto: http://job.fanpage.it/stage-allestero-in-camera-di-commercio-per-55-laureati-e-studenti/

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy