• Google+
  • Commenta
28 agosto 2012

Sri Lanka: grande manifestazione dei docenti universitari

23 Agosto Colombo: il governo dello Sri Lanka lo scorso 21/08, aveva emanato l’ordine di chiudere tutte le università del Paese, tranne la sola Facoltà di Medicina. La misura adottata dal presidente Mahinda Rajapaksa, si riferisce alla protesta dei docenti universitari che scioperano ormai da due mesi.Iniziato il 4 luglio scorso, lo sciopero, ha coinvolto tutto il Paese, schierato dalla parte dei docenti, che richiedono più fondi da dedicare all’istruzione delle nuove generazioni.

La Futa-Federazione delle associazioni dei docenti universitari – che chiede l’assegnazione del 6% del Pil all’istruzione, d’aumentare lo stipendio percepito dal corpo docente, ha organizzato una grande manifestazione di massa che si è tenuta Giovedì 23 Agosto nella Union Place di Colombo, guidata dai Professori universitari, i quali esigono inoltre che venga garantita l’indipendenza degli atenei da qualunque ingerenza politica.

Circa 3mila persone hanno sfilato per le strade di Colombo: il popolo dei docenti è in protesta contro la chiusura delle università dello Sri Lanka.

Durante la manifestazione pacifica, iniziata sotto un’intensa pioggia che non ha placato gli animi delle migliaia di leader religiosi ed attivisti, oltre che professori, studenti e politici, alle 19 (ora locale), è stata annullata la marcia, e chiuse le vie principali d’incontro al Rendez-vouz. La polizia ha inoltre bloccato il primo corteo che sarebbe dovuto partire dalla Maradana Railway Station, permettendo tuttavia i cortei adunati presso il Nawaloka Hospital ed il Lotus Pond Theatre.

Slogan della manifestazione, “Save State Education”.Il sindacato dei docenti universitari ha presentato, lo scorso 16 aprile, le proprie richieste al presidente Mahinda Rajapaksa ed al ministero dell’Istruzione, nella totale indifferenza del governo.

Niramal Ranjith, presidente della Futa, presente alla grande manifestazione, ha dichiarato che “è responsabilità dell’istruzione pubblica formare una società migliore, ed è l’unica istituzione capace di portare giustizia sociale”.

Il coordinatore del sindacato universitario,Mahindapala, pone l’accento su “come adulti che hanno potuto godere in pieno di un’educazione libera e gratuita, adesso abbiamo la responsabilità di garantire lo stesso diritto alle future generazioni”.

Questa mossaafferma il Ven. Dambara Amila Thera, vicepresidente della Futaè stata fatta per impedire agli altri cittadini di vedere cosa stava accadendo. Non vi era motivo di chiudere le strade. Avrebbero potuto farlo durante i cortei, invece siamo stati costretti a camminare in mezzo al traffico. E alla fine, quando non davamo più fastidio a nessuno, hanno bloccato tutto, in modo da impedire l’accesso“.

Futa, insieme a politici dell’opposizione, leader religiosi, riuniti presso il Centre for Society and Religion (Csr) hanno raccolto le idee ed ampiamente delineato il motivo centrale della protesta dei professori e studenti dello Sri Lanka: “L’intero sistema educativo – ha sottolineato il monaco buddista Ven. Shobitha Thero – sta attraversando una profonda crisi. Gli aiuti economici alle università non sono sufficienti, e questo sta creando una situazione malsana. Già 20 professori sono stati costretti ad abbandonare il Paese“.

Continua Sanjeewa Bandara, presidente del movimento studentesco universitario, “Questo problema dovrebbe riguardare tutta la popolazione, perché questa crisi colpisce in modo molto grave noi giovani, il nostro futuro, e l’intero settore educativo. Dovremmo lottare tutti insieme e impegnarci per i diritti rivendicati dalla Futa, e per garantire un’educazione libera e gratuita per i nostri figli. Tra il 2005 e il 2010, lo Stato ha chiuso 355 scuole, costringendo gli studenti a trasferirsi in città e spendere molti soldi, se volevano ancora studiare. Questo governo sta annullando il valore dell’istruzione, cercando di renderla un bene di consumo“.

 

FONTE immagini: Youtube

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy