• Google+
  • Commenta
6 settembre 2012

A Ragusa quarta edizione di “Ragusani nel Fondo”

A Ragusa, domani sette settembre,  sarà di scena la quarta edizione di “Ragusani nel Fondo”, manifestazione che nasce dal basso (collettivi, associazioni e gente comune), dalla passione di un gruppo di persone che in fondo ama la propria città anche se è sempre più difficile viverci e viverla. Evento che nasce quattro anni fa in contrapposizione (ma neanche tanto) alla più patinata e famosa “Ragusani nel Mondo” , che premia  ogni anno le eccellenze in vari campi, di ragusani che hanno fatto successo lontano dalla propria città.

Ragusani nel mondo oltre a mettere in luce e premiare chi invece coraggiosamente rimane nel proprio territorio e riesce a far qualcosa di buono o soltanto resistere ad un realtà complicata, vuole anche accendere i riflettori almeno per una sera su problematiche sociali del territorio ragusano. Evento che oltre a trattare temi scomodi ma importanti, fa rivivere almeno per una notte affascinanti spazi della città di Ragusa che vengono lasciati a decadere tra l’indifferenza delle istituzioni, preoccupate solo di apparire belli in superficie.

I temi del premio quest’anno sono: la crisi economica e sociale e il mondo della precarietà; la questione della mobilità urbana a Ragusa, tra circonvallazioni inutili a Ibla, parcheggi falliti in partenza e mancato decollo dell’unica alternativa eco-compatibile, utile e a basso costo: la metropolitana di superficie. Si parlerà anche di spazi sociali, ricordando a due anni di distanza lo sgombero dell’ex hotel  S. Giovanni (sgomberato, murato e lasciato inutilizzato a marcire). Il programma prevede  anche la proiezione del film documentario   “L’ora di Spampinato”, in uscita il 27 ottobre a quarant’anni dalla tragica scomparsa (per mano della mafia) del giornalista Giovanni Spampinato. Si dibatterà  poi del problema MUOS a Niscemi . Infine ospiti musicali saranno “Nicoletta Fiorina Trio” e “Stefano Meli”.

 

Foto: Luca Martorana

Google+
© Riproduzione Riservata