• Google+
  • Commenta
26 settembre 2012

Conferenza Italiana sulla Scienze dell’Informazione Quantistica

«Se fornisci la spiegazione per un fenomeno, io potrò sempre chiederti che cosa l’ha generata. Non si riesce mai a terminare la regressione infinita delle domande. Credo che l’informazione sia l’unico concetto in grado di spiegare sé stesso, di chiudere il cerchio», così dice il fisico Vlatko Vedral.

Per gli scienziati che si occupano di informazione quantistica l’elemento fondamentale che costituisce la materia dell’universo non sono né atomi né particelle, ma informazioni. E proseguendo con la ricerca su campi come l’informatica e il teletrasporto dei quanti arriveremo presto non solo a rivoluzionare la tecnologia, ma anche a spiegare, dal punto di vista fisico, fenomeni soggettivi come l’amore o la fede.

Giovedì 27 e venerdì 28 settembre prosegue al Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DEI) dell’Università di Padova in via Gardenigo 6/B la V Conferenza Italiana sulla Scienze dell’Informazione Quantistica IQIS 2012. L’evento, che è giunto alla quinta edizione e si tiene per la prima volta a Padova, ha lo scopo di fare il punto sullo conoscenze più avanzate sull’informazione quantistica e sulle sue possibili applicazioni tecnologiche, in un appuntamento che riunisce esperti provenienti da tutto il mondo.

Tra gli speaker più attesi, oltre allo stesso Vlatko Vedral dell’Università di Oxford, anche Gerhard Leuchs e Harald Weinfurter del Max Planck-Institute, Sergei Kulik dell’Università di Mosca e Alexander Sergienko dell’Università di Boston. Interverranno anche Cesare Barbieri del Dipartimento di Fisica e Paolo Villoresi, Giuseppe Vallone, Giampietro Naletto, Francesco Ticozzi e Nicola Laurenti del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Padova.

 

Per informazioni: http://quantumfuture.dei.unipd.it/index.php/iqis-2012

 

Fonte Foto

Google+
© Riproduzione Riservata