• Google+
  • Commenta
23 settembre 2012

La Sapienza a favore della raccolta sangue

La Sapienza si mobilita nuovamente e questa volta lo fa a favore di una giusta ed elevata causa. Nei giorni da lunedì 24 a giovedì 27 settembre sarà possibile compiere infatti un gesto d’amore, semplice e gratuito: donare il sangue.

Un atto che non costa nulla anzi porta beneficio a chi lo compie. Perchè poi è bello semplicemente vedere come in un tempo in cui ogni cosa ha un prezzo c’è sempre qualcos altro che ha un valore maggiore che non è misurabile con il denaro.

Dunque La Sapienza diventa  il luogo dove svolgere una missione tutti insieme, studenti e non. I requisiti per partecipare alla raccolta sangue sono: avere un’età compresa tra i 18 e i 65 anni; un peso corporeo non inferiore ai 50 kg; una buona pressione arteriosa e  battiti cardiaci regolari.

Vi sono alcune situazioni che fanno si che non si possa mai donare sangue ad esempio alcolismo, assunzione di sostanze stupefacenti, epatite B o C, infezione da HIV, diabete insulina dipendente, ipertensione grave, malattie autoimmuni e nefropatie croniche. Ma anche esclusioni temporanee possono derivare da vaccinazioni, malattie infettive, interventi chirurgici maggiori, tatuaggi, trasfusioni, assunzione di farmaci.

Coloro che sono  interessati a partecipare o meglio a collaborare in questo progetto di vita che dovrebbe coinvolgere tutti, possono recarsi dalle ore 8:00 alle 11:30 presso la Città Universitaria, in particolare di fronte lo sportello del Ciao sarà presente l’autoemoteca dell’Associazione donatori sangue pazienti ematologici – Ad Spem. Ricordiamo inoltre che prima della donazione sarà possibile per chi lo desiderasse fare una leggera colazione e che il prelievo di sangue viene  preceduto da visita medica.

Roma Capitale non rimane indifferente di fronte la generosità della gente comune che decide di attivarsi per questa giusta causa e infatti per i lavoratori dipendenti che decidessero di partecipare godranno di diritto di una giornata di riposo retribuito ma soprattutto offre come una sorta di ricompensa, un premio per la bontà a tutti coloro che partecipano alla donazione di visitare gratuitamente alcuni musei cittadini; verrà infatti consegnato a tutti un ingresso omaggio valido per due persone! (iniziativa che prosegue fino al 15 ottobre in tutti i centri di raccolta sangue!).
Dunque La Sapienza con questo nuovo evento in programma, può vantarsi di essere anche in corsa per un eventuale premio per l’Università più sensibile a questioni delicate come la salute!!

Google+
© Riproduzione Riservata