• Google+
  • Commenta
6 settembre 2012

“Lo Sbarco e Salerno Capitale” Memorie dell’Operazione Avalanche

L’Associazione “Parco della Memoria della Campania” organizza la mostra permanente “Lo Sbarco e Salerno Capitale”. Venerdì 7 Settembre in Via Generale Clack a Salerno, il museo allestito negli uffici della Regione Campania e la presentazione del progetto.

La mostra-museo, che si fregia dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, raccoglie filmati inediti dell’operazione Avalanche del 1943, insieme ad altri reperti che riguardano in particolare lo sbarco delle truppe in Normandia del 44′, uno dei momenti chiave della seconda guerra mondiale.

In tutto furono quaranta i chilometri costieri interessati dall’operazione di sbarco Avalanche. L’operazione Avalanche,guidata dal generale Harold Alexander prevedeva due sbarchi, adoperando come riferimento per l’approdo il corso
del fiume Sele che funse da divisore naturale  per gli  sbarchi effettuati. Le truppe da un lato giunsero a Pontecagnano e Battipaglia, dall’altro, sulle spiagge di Paestum ed Eboli.

“Lo Sbarco e Salerno Capitale”. Alla conferenza stampa inaugurale parteciperanno il Rettore dell’Università degli Studi di Salerno Raimondo Pasquino, Nicola Oddati Presidente dell’Associazione, l’ANPI, il Presidente della Fondazione “Cassa di Risparmio Salernitana” Alfonso Cantarella.

L’intento dell’iniziativa, quello di ripercorrere i momenti salienti della storia della liberazione, e di rispolverare il ricordo di quei pochi mesi in cui Salerno assunse il ruolo di capitale (ad altre città come Torino, Firenze e poi Roma, toccò la stessa sorte) a poca distanza dal termine del secondo conflitto mondiale.

L’«omaggio dovuto al ruolo storico di Salerno nel momento della rinascita democratica dell’Italia», scrisse il presidente Giorgio Napolitano qualche anno fa, al termine della visita ad una mostra su Salerno Capitale.

Ora il  Moa -Museo dell’Operazione Avalanche- sorge ad Eboli all’interno del complesso monumentale di Sant’Antonio.  Godrà dell’ampia documentazione storica fornita dall’archivio di Angelo Pesce, ed un plastico ricostruirà la Piana del Sele secondo le varie fasi della battaglia.

L’associazione “Parco della Memoria della Campania”, come apprendiamo da sito internet www.salerno1943-1944.com, con questa iniziativa si prefigge, «l’intento di ricordare gli avvenimenti della nostra regione nel 1943 – 1944 (lo Sbarco Alleato a Salerno, il successivo periodo di Salerno Capitale provvisoria, il campo di concentramento ebreo di Campagna, le gloriose Quattro Giornate di Napoli, le criminali stragi di civili da parte dei nazisti in tanti comuni della nostra regione, le vittime dei bombardamenti, la battaglia di Mignano Montelungo, solo per ricordarne alcuni)».

FONTI IMMAGINI:

wikipedia

operazioneavalanche.blogspot.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy