• Google+
  • Commenta
16 ottobre 2012

Cena con i poveri al Palazzo del Bo: un’iniziativa della Comunità di Sant’Egidio

Nasce dagli studenti universitari della Comunità di Sant’Egidio l’iniziativa di aprire le porte dell’Ateneo Patavino ai poveri di strada.

Mercoledì 17 Ottobre alle 18,30 si terrà infatti all’interno del Cortile Nuovo del Palazzo del Bo una cena con le persone senza fissa dimora offerta dagli studenti. Dopo Roma e Genova, Padova è la terza Università in Italia a promuovere questa iniziativa.

L’evento ha incontrato da subito il favore e l’adesione dell’Università per il tramite del Magnifico Rettore.

L’iniziativa intende porre al centro, in maniera concreta e al tempo stesso simbolica, il valore della solidarietà, proprio all’inizio del nuovo anno accademico. Il Prorettore vicario Prof. Gnesotto porterà il suo saluto agli studenti e ai poveri presenti.

L’incontro fra gli universitari e i senza fissa dimora vuole dimostrare come, in un momento difficile a livello globale per gli effetti della crisi economica, ma anche di crisi di idee e di prospettive a lungo termine, è ancora possibile partendo dal piccolo, dalla città, iniziare un percorso di accoglienza e solidarietà che metta al centro la persona, a realizzare un futuro che ponga sempre attenzione a chi è meno fortunato.

L’iniziativa di Sant’Egidio si colloca all’interno di una lunga storia di amicizia coi poveri di strada, iniziata ormai 8 anni fa e che vede oggi coinvolte decine di studenti universitari.

La cena al Palazzo del Bo vuole anche essere un segno per l’intera città, affinché resista alla tentazione di rinchiudersi nei confronti di chi è più povero, ma si incammini lungo la strada ampia e feconda della solidarietà.

Per info: Mirko Sossai 3477582620

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata