• Google+
  • Commenta
8 ottobre 2012

Le verità della Minetti

Nicole Minetti non smette di far parlare di se e mai per qualcosa di buono in campo politico. A farla da padrone quasi ogni giorno nel travagliato mondo del gossip è lei.

Dopo le polemiche delle settimane scorse, le mancate dimissioni caldeggiate da molti esponenti di spicco del suo partito, dopo il raffreddamento (almeno ufficialmente) dei rapporti con il suo mentore Silvio (Berlusconi), la Minetti ospite illustre della prima puntata di “Domenica live”, il nuovo programma condotto da Alessio Vinci, dopo la scomparsa per scarsi ascolti di “Matrix”, non le manda certo a dire e risponde a tono a tutte le domande/curiosità del conduttore.

Ritorna sul discorso dimissioni, sostenendo fermamente che non ha nessuna intenzione di dimettersi perchè non ne vede i motivi  e perché a detta sua nessuno le  ha mai chiesto di farlo. Si sente assolutamente in grado e competente a ricoprire il ruolo importante di consigliere alla Regione Lombardia, spazzando così le voci di chi dice che è assolutamente inadatta a ricoprire un ruolo politico e che in fondo a lei interessa solo il mondo patinato e finto dei vips italiani.

Continua cercando di convincere tutti, che lei è una ragazza normale, che viene da una famiglia modesta, che è arrivata dove è arrivata solo per meriti propri e dopo aver fatto sacrifici, e di meritare quindi, oltre il ruolo istituzionale anche uno stipendio da capogiro (8.500,00 al mese). E ancora alla domanda di Vinci sulla  famosa maglietta con su scritto, “senza sono ancora meglio”, lei divertita dà del bacchettone al presentatore.

Scene di ordinaria televisione italiana, tutto già visto, tutto già sentito, e Vinci che nella conferenza stampa di presentazione del programma aveva detto “niente gossip e niente veline” nel mio nuovo programma, come a spazzare via anni di domenicale tv spazzatura delle reti Mediaset con Costanzo prima, la Perego dopo, proseguendo con D’Urso e Panicucci, adesso sembra proprio non essere cambiato nulla. Così ancora una volta gente senza arte ne parte si trova sul trono a raccontare sciocchezze ben lontane dalla realtà.

 

Fonte Foto

 

Google+
© Riproduzione Riservata