• Google+
  • Commenta
28 novembre 2012

Il Circolo degli Illusionisti: maghi non si nasce, si diventa

Maghi

Uno dei temi che da sempre affascina l’essere umano è la magia. Fin dai tempi antichi, l’uomo ha creduto che fosse possibile realizzare cose straordinarie attraverso mezzi del tutto ordinari.

Maghi

Maghi

Infatti, è davvero ampio il novero di parole, formule, riti, gesti e oggetti tramite i quali realizzare l’irrealizzabile.

Inizialmente la magia era considerata qualcosa di divino che veniva concesso a pochi eletti dai grandi dei del firmamento.

Poi prese una piega decisamente meno nobile e divenne sinonimo di malvagità e anormalità.

Da qui nasce tutto il filone del paranormale che, passando per la caccia alle streghe, diviene la branca oscura della spiritualità. Un’ulteriore evoluzione avviene quando l’uomo, ormai scettico circa le pratiche soprannaturali, si rende conto di poter creare illusioni ed effettuare trucchi tramite tutta una serie di gesti e strumenti. E’ a quel punto che la magia fa un cambiamento radicale. Da oggetto soprannaturale diviene una vera e propria arte al servizio dell’ingegno umano e così l’uomo diventa in grado di creare veri e propri show nei quali, con l’ausilio di tecniche, strumenti e un po’ di sana recitazione, riesce a realizzare cose incredibili. Da questo tipo di magia si distaccano coloro che, invece, si pongono apertamente come paranormali; tra questi ci sono cartomanti, oracoli ecc. Da qui prenderanno piede le discipline che oggi conosciamo con i nomi di illusionismo, prestidigitazione, mentalismo e altri.

L’arte magica, nell’arco dei secoli, ha preso piede in maniera preponderante nella società dell’uomo, andando ad occupare quella parte ludica e misteriosa verso cui l’uomo protende a causa della sua natura curiosa. La diffusione della magia è arrivata, così, un po’ ovunque, fino al punto in cui si prospettò la necessità di creare un’istituzione che costituisse un punto di riferimento e di collegamento per tutte le realtà magiche che si erano instaurate in giro per le Nazioni. Per questo motivo nasce “L’International Brotherhood of Magicians”, un circuito mondiale costituito da tanti circoli chiamati “Ring” e che, ad oggi, ne è formato da più di 350 in 70 Paesi, divenendo un baluardo mondiale della magia.

Di questo immenso circuito fa parte Il Circolo degli illusionisti, situato a Roma e che costituisce il Ring 204. Esso è una delle maggiori realtà “magiche” in Italia e fin dalla sua nascita si preoccupa di diffondere la cultura della magia, di insegnarla e di organizzare eventi e incontri per tutti coloro che si vogliono avvicinare a questo etereo universo. Per maggiori informazioni vi rimando a questo link. A questo proposito abbiamo intervistato l’attuale presidente del circolo, Andrea Turchi.

Come e perché nasce il Circolo degli Illusionisti e dei maghi?

L’aggiornamento professionale è da sempre nella tradizione e nella programmazione del Ring 204 of Rome, storicamente volto da oltre 40 anni alla valorizzazione delle risorse dei prestigiatori ed ora, con l’associazione culturale “Il Circolo degli Illusionisti”, vogliamo continuare con il fondamentale punto di partenza di tutti i nostri progetti: il fattore umano e la formazione di illusionisti.

Il sito è nato, innanzitutto, come uno strumento per creare e far vivere relazioni, informazioni, scambio di idee, di stimoli, di opportunità.

Cerchiamo, quindi, di sfruttare le potenzialità dello strumento del web, ormai uno straordinario spazio di incontro, di trasformazione radicale delle modalità di relazione, di informazione, di fruizione di contenuti, di velocità di apprendimento; nell’era della social collaboration, che è comunicazione circolare, ogni “utente” diventa il protagonista dello scambio di significati e dell’aggregazione trasversale di informazioni, per raggiungere qualsiasi obiettivo comune.

Qual è la differenza tra mago, illusionista e prestigiatore?

Non vi è una sostanziale differenza fra maghi, prestigiatori ed illusionisti; sono sinonimi, a meno che non si voglia con la parola Illusionista intendere un prestigiatore completo sia in scena e sala che sul close up, ed in tutte le varie branche dell’arte magica compresa quella del mentalismo, tanto vicino al paranormale, ma frutto di studio specifico e di metodologie di vario tipo fino alla PNL.

Quali sono le caratteristiche essenziali che devono contraddistinguere chi si fregia di tali appellativi?

In realtà, ciò che è importante è il filo invisibile che collega tutto ciò di cui si compone questo tipo di attività. E’ la nostra passione per la prestigiazione ed il suo sviluppo in Italia, è diffondere la cultura dell’illusionismo per creare una relazione con coloro i quali vogliono aprire una porta sulla Prestigiazione Italiana e conoscere le molteplici attività del Circolo.

Cosa e, soprattutto, chi si cela dietro quel mantello e quei numeri pirotecnici?

La prestigiazione è un’arte completa e necessita di anni di studio e che coinvolge una moltitudine di tipologie: ragazzi, studenti, professionisti, attori, impiegati. All’inizio arrivano in qualità di curiosi, amatori, dilettanti, poi la cosa curiosità diventa passione, fino a poter diventare una vera e propria professione che esula dai concetti di “magia” divinatoria o soprannaturale, verso cui ormai lo scetticismo di tutti è palese.

Un tempo c’erano mantelli, assistenti, cilindri e palchi itineranti. Oggi, invece, come sono gli artisti e i loro spettacoli?

Negli show magici esistono ancora gli stereotipi della prestigiazione classica, anche se, ormai i tempi di esecuzione sono più veloci, adeguati ai tempi televisivi, alla cosiddetta “visual magic” che permea gli USA con Criss Angel, David Copperfield, Andrew Maine e con i loro emulatori come ad esempio Dynamo, mago di You Tube con molti effetti difficilmente realizzabili dal vivo.

Ciò comporta ancor più la presenza di un artista dallo spessore tecnico sempre maggiore e, quindi, con una solida preparazione ed un continuo aggiornamento professionale, strumenti indispensabili per muoversi con successo nel nostro settore.

Ed è proprio da questa considerazione che muove il progetto de Il Circolo degli Illusionisti, con la creazione di una struttura di prestigio che, grazie a programmi, studio di tecniche, seminari e progetti formativi ad hoc, incontri costruttivi per parlare del teatro, della musica, della recitazione con gli esperti del settore, si propone di creare qualificati professionisti che rispondano alle giuste aspettative dello spettatore.

Quali sono i progetti futuri della vostra associazione?

Il progetto futuro, in attesa del FISM 2015 (campionato mondiale della Federazione Internazionale delle Società Magiche) che finalmente si farà a Luglio in Italia a Rimini anche grazie al nostro supporto nella candidatura di quest’anno, è quello di intensificare gli scambi culturali fra i ring italiani e gli altri circoli, promuovere e diffondere all’estero la prestigiazione italiana ed i suoi componenti, mettendo in luce il reale scopo della nostra Associazione: creare passione, amicizia, stima, rispetto, etica professionale e meraviglia per una fratellanza internazionale fra maghi (International Brotherhood of Magicians).

La magia, oggi, è diventata un’arte che si fonda su tanto studio e pratica oltre che, ovviamente, sull’estro del mago, senza il quale tutto lo studio e la pratica del mondo servono a poco. Quindi, è diventata qualcosa di più scientifico e artistico che si distacca un po’ dalle sue origini divine e soprannaturali. Nonostante ciò, sembra impossibile, per fortuna, togliere alla magia quella sua aura misteriosa, eterea e quel fascino che da sempre fa sognare i “bambini” da 3 a 103 anni

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy