• Google+
  • Commenta
17 novembre 2012

Mai più svalutati con Google Play Store!

Stando al consueto processo di distribuzione e vendita, economicamente parlando, subito dopo aver acquistato un determinato prodotto quest’ultimo inizia a perdere di valore. Così, insieme alla smania di comprare il tanto amato smartphone o tablet Android, dobbiamo assumere la consapevolezza che una volta aver preso possesso dei suddetti oggetti, presto perderanno il valore relativo al momento dell’acquisto.

Grazie a Google Play Store e all’iniziativa chiamata “protezione dei prezzi”, l’angustiante problema della svalutazione, viene sensibilmente contenuto. Come spiega il sito www.androidiani.com, se viene acquistato un prodotto ad un determinato prezzo e nell’arco di 15 giorni il prezzo del prodotto viene modificato (di norma il costo si abbassa), l’acquirente ha diritto ad un rimborso che equivale alla differenza di prezzo nuovamente stabilito.

L’iniziativa, certamente apprezzabile sotto un punto di vista economico, include però un aspetto sconveniente: in Italia non è al momento possibile effettuare acquisti tramite Google Play.

A tal proposito abbiamo raccolto i pareri di alcuni ragazzi che possiedono da non più di due mesi  uno smartphone e alla domanda “Che cosa ne pensi dell’iniziativa “protezione dei prezzi” avviata da Google Play Store” ? le risposte non sono tardate ad arrivare:

Alessia: “Per una volta mi piacerebbe dire che l’Italia è in anticipo sul percorso ma la realtà dei fatti è ben diversa: siamo indietro anni luce!

Damiano: “L’iniziativa non è male ma non potendo usufruire dell’agevolazione, la cosa mi sembra una presa in giro, personalmente se ora non ne possiamo usufruire potevano anche risparmiarsela

Marco: “15 giorni? Troppo pochi! Considerando il fatto che questa iniziativa è a vantaggio di chi acquista e la logica del commercio è spietata e molto furba, probabilmente abbasseranno i prezzi tra il sedicesimo e il ventesimo giorno dall’acquisto!

Come abbiamo potuto vedere l’iniziativa volta a tutelare un acquirente dalla svalutazione del proprio prodotto, non dispiace. Nel frattempo la speranza riposa nella possibilità di fare acquisti anche in Italia tramite Google Play!

Google+
© Riproduzione Riservata