• Google+
  • Commenta
15 novembre 2012

Tappeto rosso per 100 operai in tuta blu al Festival Internazionale del Film di Roma

Prospettive Italia

Tappeto rosso per 100 operai in tuta blu al Festival Internazionale del Film di Roma

DELL’ARTE DELLA GUERRA: un film di Silvia Luzi e Luca Bellino

Saranno un centinaio gli operai e lavoratori, provenienti da tutta Italia, a sfilare sul red carpet del Festival Internazionale del Film di Roma, sabato 17 alle 14.30, per la presentazione di DELL’ARTE DELLA GUERRA. Il documentario, diretto da Silvia Luzi e Luca Bellino, in concorso nella sezione Prospettive Italia, racconta, infatti, quella estate del 2009, quando 4 operai si arrampicarono su un carroponte all’interno della INNSE, la storica Innocenti di Milano, per impedirne la chiusura. Dalla protesta sociale al grande schermo che la racconta il passo è breve e il Festival diventa occasione per raccontare, ricordare e non dimenticare una vicenda che rivive nelle sommosse e manifestazioni operaie drammaticamente attuali.

Proiezioni: anticipata stampa venerdì 16 novembre, Studio 3, ore 11.00. Anteprima sabato 17 ore 15.00 in Sala Petrassi. Replica domenica 18 ore 12.00 in Sala Cinema 2.

Incontro stampa: sabato 17 alle ore 13.30 – Spazio BNL. Interverranno gli autori del film e gli operai protagonisti: Vincenzo Acerenza, Fabio Bottaferla, Vincenzo Acerenza, Luigi Esposito, Massimo Merlo.

Gli autori, Silvia Luzi e Luca Bellino, già registi di La minaccia, uno dei documentari italiani più premiati degli ultimi anni, costruiscono una sorta di saggio, un manuale di politica e guerriglia.

Volevamo raccontare la lotta, il lavoro, la resistenza. Volevamo creare un manuale in quattro mosse. Individuare il nemico. Formare un esercito. Difendere il territorio. Costruire una strategia.”

Silvia Luzi e Luca Bellino

Milano, agosto 2009. Quattro operai salgono su un carroponte a 20 metri d’altezza all’interno del capannone della INNSE, la storica Innocenti. Il loro scopo è fermare lo smantellamento dei macchinari e impedire la chiusura dello stabilimento. In poche ore il capannone viene circondato dalla polizia mentre centinaia di sostenitori cominciano ad affluire da tutta Italia. I quattro operai restano per otto giorni e sette notti sospesi in uno spazio di pochissimi metri quadri. I media parlano di lotta operaia, ma è qualcosa di diverso. Dietro c’è una strategia precisa. C’è un esercito organizzato. Ci sono regole precise. è una guerra con un paradigma attuabile in ogni forma di lotta.

Una produzione KINO Produzioni in collaborazione con Indieair Films, in associazione con Tfilm

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy