• Google+
  • Commenta
28 gennaio 2013

Michelangelo Antonioni: cosa devo guardare riflessioni critiche e fotografiche

Michelangelo Antonioni
Michelangelo Antonioni

Michelangelo Antonioni

Cosa esprime veramente un paesaggio? Quali valori contenutistici, estetici e formali comunica al fruitore? E come si colloca questo elemento nell’ambito dell’evoluzione delle un’impostazione artistica di stampo filosofico.

Queste sono le domande da cui è scaturita l’idea centrale alla base del volume e alle quali Maurizio Giovanni De Bonis e Orith Youdovich, grazie a uno studio critico e a un lavoro fotografico collegati tra loro, hanno provato a dare una risposta utilizzando come punto di riferimento creativo la fondamentale figura del regista, Michelangelo Antonioni, che ha elaborato un concetto espressivo di paesaggio personale e innovativo, connesso a un’impostazione artistica di stampo filosofico.

I paesaggi di Antonioni si sono naturalmente collocati all’interno di un percorso, tra pittura, fotografia e cinema che, grazie al lavoro di altri autori visuali, ha trasformato la riproduzione descrittiva del mondo in contenitore metaforico di innumerevoli istanze poetiche.

Maurizio Giovanni De Bonis e Orith Youdovich, assieme a Francesca Loprieno, Fotografa e Pio Meledandri, Direttore Museo della Fotografia del Politecnico di Bari, incontreranno il pubblico domani, martedi, 29 gennaio 2013ore 17:30,  Sala conferenze Politecnico di Bari (via Amendola, 126/b). Al centro delle attenzioni le riflessioni critiche e i contenuti della pubblicazione di De Bonis e Youdovich , “Cosa devo guardare – Riflessioni critiche e fotografiche sui paesaggi di Michelangelo Antonioni” (Postcart, Roma, 2012). Nel corso dell’incontro, sono previste proiezioni di immagini e sequenze cinematografiche.

Maurizio Giovanni De Bonis. Nato a Catania nel 1962. Svolge da molti anni attività di giornalista culturale, critico cinematografico e delle arti visive. È direttore responsabile di CultFrame – Arti Visive, testata giornalistica online dedicata al cinema, alla fotografia e all’arte contemporanea. È Responsabile della comunicazione e membro delComitato esecutivo del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI ed è direttore di CineCriticaWeb, supplemento telematico dell’organo del SNCCI.

 Orith Youdovich. Nata a Tel Aviv, vive e lavora tra Roma e la capitale israeliana. Fotografa e curatrice, si è diplomata in Fotografia presso l’Istituto Superiore di Fotografia di Roma (ISF, 1992). Da diversi anni ha abbandonato il reportage sociale per dedicarsi alla fotografia di tipo concettuale e da allora dirige il proprio sguardo creativo sul mondo in un continuo processo di analisi del rapporto tra sguardo soggettivo e paesaggio. Svolge inoltre un’attività di ricerca artistica basata sulla connessione tra fotografia e cinema. Ha esposto in numerose mostre personali e collettive ed ha curato esposizioni per Festival di fotografia italiani. 

Google+
© Riproduzione Riservata