• Google+
  • Commenta
18 aprile 2013

Presidente della Repubblica. Elezioni Presidente della Repubblica: modalità di come viene eletto

Dalla potenza all'atto L'Italia dopo l'Italia
Elezioni Nuovo Presidente della Repubblica

Elezioni Nuovo Presidente della Repubblica

Manca poco ormai all’elezione del nuovo Presidente della Repubblica che a breve andrà a sostituire Giorgio Napolitano alla presidenza italiana.

Ieri sciolti i primi indugi con la conferenza congiunta delle Camere su come si svolgeranno le elezioni del Presidente della Repubblica.

Modalità di Presidente della Repubblica – Le camere congiuntamente decidono sul quando ci saranno gli scrutini. L’inizio è previsto oggi dalle ore 10 e alle 15. Nel complesso programmate 5 ore di attività elettorali compreso anche lo spoglio. Programmate due votazioni al giorno fintanto non ci sarà “fumata bianca” (con eventuale estensione nei week end delle elezioni.)

Luoghi e modalità Presidente della Repubblica.  Non mancano i dettagli nelle decisioni pervenute ieri dalla conferenza delle Camere. Stabilito che saranno utilizzate ben 4 cabine per votare e per rendere agevole e veloce il processo di elezione e ridurre i tempi. Le cabine sarebbero già state predisposte. Secondo gli standard ormai consolidati, si richiede anche per questa tornata, la presenza di sette segretari a validazione delle attività annesse.

[adsense]

Chi vota il Presidente della Repubblica. A votare il presidente della repubblica ben 1007 “grandi elettori”: oltre a deputati e ai senatori avranno diritto al voto anche i delegati scelti da ciascuna regione (58). Tutti domani sono stati già stati convocati per le ore 10.

Sistema di voto e maggioranza. L’immediata elezione del Presidente della Repubblica potrà realizzarsi solo al raggiungimento di uno dei candidati dei 2/3 dei voti (quindi 671 voti validi dai primi 3 scrutini).  Nella quarta votazione, invece, sarà sufficiente avere la maggioranza assoluta (in tal caso basterebbero 504 voti validi).

Validità dei voti dispersi. Per le schede nulle, non si considereranno le schede contenenti più di un nome indicato, riportanti frasi o scritte non previste o simboli o segni che possano ricondurre all’elettore. Ovviamente saranno annullate anche le schede con voti non leggibili o ambigui o che non rispettino le conditio dei candidati (eleggibilità).

Google+
© Riproduzione Riservata