• Bonanni
  • Liguori
  • Coniglio
  • Romano
  • Casciello
  • Baietti
  • Andreotti
  • De Luca
  • Chelini
  • Algeri
  • Miraglia
  • Crepet
  • Dalia
  • Tassone
  • Alemanno
  • Paleari
  • Ward
  • di Geso
  • Leone
  • Antonucci
  • de Durante
  • Bruzzone
  • Mazzone
  • Ferrante
  • Bonetti
  • Boschetti
  • Buzzatti
  • Napolitani
  • Barnaba
  • Santaniello
  • Valorzi
  • Carfagna
  • Pasquino
  • Califano
  • Rossetto
  • Meoli
  • Romano
  • Gelisio
  • Rinaldi
  • Quarta
  • Grassotti
  • De Leo
  • Cacciatore
  • Cocchi
  • Falco
  • Catizone
  • Scorza
  • Quaglia
  • Gnudi

Quanto guadagna il Presidente della Repubblica in Italia: stipendio

Flavia de Durante 21 Gennaio 2022
F. d. D.
24/05/2022

Dallo stipendio ai benefit e privilegi, ecco quanto guadagna il Presidente della Repubblica in Italia: assegno mensile, dotazione e altri stipendi del capo dello Stato.



Quanto guadagna il Presidente della Repubblica in Italia, cosa prevede la legge per lo stipendio del Capo dello Stato?

Nel 2021 la dotazione annuale è stata di 224 milioni di euro. Ma, come vedremo, questo denaro non spetta per intero al Capo di Stato. Bensì è utilizzato per pagare i funzionari e i lavoratori delle strutture utili al lavoro presidenziale. Al Presidente della Repubblica, in totale, spetta una quota dello 0,11%. Vale a dire lo 0,24% del totale stanziato per tutte le retribuzioni.

Il Capo dello Stato, eletto dal parlamento e dai delegati regionali, è in Italia tra le figure più importanti della nazione. Le sue elezioni avvengono ogni 7 anni. Rappresenta l’unità nazionale nonché il garante degli equilibri costituzionali al di sopra degli altri organi governativi. Partecipa come coordinatore e supervisore all’esercizio di tutti i poteri.

Si tratta dunque, senza dubbio, di una persona con enorme potere e  responsabilità. Vediamo quanto guadagna il Presidente della Repubblica in Italia, stipendio mensile e benefit che gli spettano di diritto.

Quanto guadagna il Presidente della Repubblica in Italia: qual è lo stipendio del capo dello stato

Grazie al sito del Quirinale, è possibile verificare il bilancio previsto per la presidenza della Repubblica. Nel prossimo triennio 2021-2023, la cifra annuale corrisponde a 224 milioni di euro. Questa somma resterà invariata anche per i prossimi due anni.

Tuttavia lo stipendio del Presidente della Repubblica in carica non ammonta certamente all’intera somma in euro. Infatti, sempre tramite il sito del Quirinale, è possibile conoscere come vengono ripartiti questi soldi: “La spesa per le retribuzioni del personale costituisce nel 2021 il 48,03% del totale della spesa effettiva del Segretariato generale. Al netto delle quote d’avanzo e delle partite di giro (in diminuzione rispetto al 50,18% dichiarato nel 2020. Principalmente a causa della riduzione della spesa per le retribuzioni del personale di ruolo)”.

Ma quanto guadagna il Presidente della Repubblica, stipendio del Capo dello Stato a quanto ammonta? Insomma, la cifra serve ovviamente a pagare e retribuire tutto il personale che ruota attorno alla figura del capo dello stato. Tutti i funzionari e consulenti che quotidianamente si adoperano per assistere e circondare il Capo di Stato. I servizi e le strutture utilizzate dal capo dello Stato vengono preservate e servite sempre tramite la suddetta cifra.

In particolare, per lo stipendio del Presidente della Repubblica è prevista una quota dello 0,11%. Vale a dire lo 0,24% del totale stanziato per tutte le retribuzioni. Ad esempio, lo stipendio lordo annuale di Sergio Mattarella (al tempo della carica) è stato uguale a circa 239.000 euro. Con aggiunta della 13esima, lo stipendio del Capo di Stato in Italia è di 18.300 euro al mese.

Benefit e privilegi del Presidente della Repubblica italiana

Visto quanto guadagna il Presidente della Repubblica, cerchiamo di capire anche di quali privilegi e benefit può godere.

Con l’inizio del mandato, al Capo di Stato viene assegnato un assegno mensile per il pagamento. E una dotazione, ossia un insieme di beni e immobili, nonché una somma di denaro per sostenere le spese dell’incarico. Tra gli immobili, rientra anche il Palazzo del Quirinale, dove risiede.

Al Quirinale lavorano, circa 890 persone: 693 sono di ruolo, mentre i rimanenti 197 sono distaccati presso altre amministrazioni.

Si tratta di circa 460 operai e 180 impiegati. I dirigenti, invece, sono meno di quaranta. Tra i dipendenti al servizio del Quirinale vi sono anche circa 700 membri delle forze dell’ordine. Una sorta di “esercito personale” composto da corazzieri, carabinieri e agenti di pubblica sicurezza.

Quanto guadagna il Presidente della Repubblica in Italia in pensione

Per sapere quanto guadagna il presidente della Repubblica in pensione, bisogna ricorda che egli può entrare di diritto nei Senatori a vita. Inoltre, viene definito con il titolo di Presidente emerito della Repubblica Italiana. Al momento, l’unico ad avere tale titolo in vita è Giorgio Napolitano.

Un senatore riceve dalla sua carica 17.600 euro lordi al mese. Al netto di ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali, risulta 12.500 euro netti al mese. Di questi, poco più di 5mila sono a titolo di indennità.

Nel 2021 sono sei i senatori a vita: Mario Monti, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Carlo Rubbia, Liliana Segre e Giorgio Napolitano.

Quest’ultimo può ad esempio usufruire dell’aereo di Stato e ha un segretario personale. Sono a sua disposizione i locali presso Palazzo Giustiniani a Roma ed è dotato di una scorta personale.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Flavia de Durante Laureata in Lettere Moderne con il massimo dei voti all'Università degli studi di Salerno. Da sempre amante della lettura, mi diletto a scrivere sin dalla prima adolescenza. Mi interessa esplorare il mondo circostante in tutte le sue sfumature ed in particolare l'animo umano e i rapporti interpersonali. I temi che maggiormente mi interessano sono quelli legati alla cultura, alla storia, al costume, all'ambiente, all'attualità. Vedo nel settore del giornalismo non solo la possibilità di trasmettere dati ed informazioni, ma anche una grande opportunità di acquisire nuove e varie conoscenze. La curiosità e la voglia di sapere sono i motori principali che mi hanno spinto a intraprendere questo percorso. Leggi tutto