• Google+
  • Commenta
15 giugno 2013

Saldi Estivi 2013. Calendario date inizio saldi estivi: raccomandazioni e consigli utili

Saldi estivi 2018

Manca ormai meno di un mese ai saldi estivi 2013, le date ufficiali sono state indicate: tra il 6-7 luglio 2013

Se una primavera incerta ha portato gli italiani a numerosi cambi di stagione con poche compere sia per l’attuale e quanto ormai stabile situazione di crisi sia per gli abiti prettamente estivi presenti nei negozi, ora col caldo e con i saldi estivi si è pronti alle compere. Questa è, infatti, l’occasione giusta per acquistare capi classi ad un prezzo vantaggioso o acquistare capi da indossare in occasioni speciali.

In Lombardia, una delle prime regioni a partire con i saldi estivi 2013, è tornato in vigore il divieto di effettuare vendite promozionali 30 giorni prima dei saldi (in ottemperanza a quanto stabilito dal comma 2 dell’Articolo 113 della Legge Regionale 1/2007). Ma non tutti sembrano essere d’accordo, infatti, Federdistribuzione si dichiarata contraria e il presidente Giovanni Cobolli Gigli ha dichiarato:

“E’ un’occasione mancata per ridare fiato a consumatori e imprese. Il settore dell’abbigliamento sta attraversando una crisi profonda: le vendite, secondo i dati dell’Istat del mese di marzo 2013, sono calate inevitabilmente del 9 per cento e lo sfavorevole andamento meteorologico ha portato i consumatori a rimandare o addirittura ad annullare gli acquisti. Le imprese distributive del settore sono quindi in grande difficoltà e non poter effettuare promozioni peggiora soltanto le cose”.

Ecco le date dei saldi estivi 2013 per ogni regione:

  • Saldi Estivi Basilicata: Potenza, Matera: 7 luglio
  • Saldi Estivi Calabria: Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia: 7 luglio
  • Saldi Estivi Campania:  Napoli, Avellino, Caserta, Benevento, Salerno: 7 luglio
  • Saldi Estivi Emilia Romagna:  Bologna, Ferrara, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini: 7 luglio
  • Saldi Estivi Friuli Venezia Giulia: Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine: 7 luglio
  • Saldi Estivi Lazio: Frosinone, Latina, Rieti,  Roma, Viterbo: 7 luglio
  • Saldi Estivi Liguria:  Genova, Imperia, La Spezia, Savona: 7 luglio
  • Saldi Estivi Lombardia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova,  Milano, Pavia, Sondrio, Varese: 7 luglio
  • Saldi Estivi Marche: Ancona, Ascoli Piceno, Macerata, Pesaro e Urbino: 7 luglio
  • Saldi Estivi Molise: Campobasso, Isernia: 7 luglio
  • Saldi Estivi Piemonte:  Torino, Asti, Cuneo, Novara, Vercelli, Alessandria, Verbanio Cusio Ossola: 6 luglio
  • Saldi Estivi Puglia:  Bari, Foggia, Brindisi, Lecce, Taranto
    7 luglio
  • Saldi Estivi Sardegna: Cagliari, Carbonia-Iglesias, Nuoro, Olbia Tempio, Oristano, Medio Campidano, Sassari, Ogliastra: 6 luglio
  • Saldi Estivi Sicilia: Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina,  Palermo: 7 luglio
  • Saldi Estivi Toscana: Arezzo, Firenze, Grosseto, Livrono, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena: 6 luglio
  • Saldi Estivi Umbria: Perugia, Terni: 7 luglio
  • Saldi Estivi Valle D’osta: Aosta: 7 luglio
  • Saldi Estivi Veneto: Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza: 6 luglio
  • Saldi Estivi Trentino Alto AdigeBolzano: 7 luglio
  • Saldi Estivi Abruzzo: L’Aquila, Teramo, Pescara, Chieti: 7 luglio

Qui il calendario aggiornato in tempo reale dei SALDI 2013

I saldi estivi 2013 dureranno circa un mese e mezzo (circa 45 giorni), i negozi venderanno la loro merce scontata, anche se per i rivenditori questo periodo non stato certo dei migliori: le vendite sono diminuite e quindi si spera di recuperare almeno parte dei guadagni con le vendite di fine stagione. Bisognerà quindi pazientare un altro po’, visto che la vigente normativa non prevede alcun sconto promozionale dal 9 giugno al 5 luglio.

Nonostante venga applicata tale limitazione quasi ovunque, in molti negozi sono già stati applicati i cosiddetti “saldi interni” o “saldi privati”, che portano già ad effettuare un piccolo sconto sulla merce acquistata dal cliente prima dei saldi estivi 2013.

I negozianti per l’inizio dei saldi estivi 2013 hanno l’obbligo di apporre su tutti i loro servizi/prodotti un cartellino indicante:

  • il prezzo iniziale
  • percentuale di sconto applicata
  • prezzo scontato

Purtroppo non è detto che vengano applicati reali saldi estivi 2013, è probabile che qualche commerciante decida di alzare il prezzo iniziale per far pagare al possibile cliente la merce allo stesso prezzo di quello iniziale. L’unica soluzione per evitare tale situazione è controllare qualche giorno prima la merce che si vuole acquistare e controllare poi durante i saldi se lo sconto è stato applicato o meno, nel secondo caso se ci troviamo di fronte ad una situazione di “finti saldi” si può chiamare la Guardia di Finanza, ovviamente, dimostrando con foto l’irregolarità.

Escludendo i commercianti disonesti che costituiranno una piccola minoranza, i saldi estivi 2013 si presentano sempre come il momento migliore per risparmiare e spendere quindi meno, comprando ciò che si desidera a prezzi competitivi.

Ma come effettuare al meglio i vostri acquisti?

Ecco un utile vademecum dei saldi estivi 2013, consigli pre-acquisto:

  • Non fatevi prendere dall’ansia dell’acquisto, confrontate il prezzo girando più negozi e acquistate sempre i prodotti che vi servono.
  • Andate dai vostri negozianti di fiducia, acquistando preferibilmente la merce di cui conoscevate già il prezzo, per poter valutare lo sconto effettivo.
  • Diffidate da chi pone uno sconto eccessivo pari o addirittura superiore al 60%, non si tratterà mai di un reale sconto.
  • Ricordate che ogni prodotto o bene dovrà avere il cartellino indicante tutte le informazioni necessarie per capire l’effettivo sconto.
  • I negozianti non hanno l’obbligo di far provare i capi, il consiglio quindi è quello di evitare compere di tal genere.
  • Conservate sempre lo scontrino perché in caso di merce “non conforme” il negoziante sarà costretto o a sostituire la merce o al rimborso di quanto pagato in precedenza.
  • In caso di falsi saldi estivi 2013 potete rivolgervi a diverse entità quali vigili urbani, ufficio comunale per il commercio o ad associazioni per consumatori.

Ma in realtà con l’aumento dell’IVA dal 21 al 22% si prevede per i saldi estivi 2013 una contrazione dei consumi notevole, perciò è stato richiesto più volte dai commercianti il blocco, senza però ottenere i risultati sperati.

Google+
© Riproduzione Riservata