Affitti In Nero. Scandali universitari: affitti in nero, raccomandazioni: nessuno si occupa degli studenti universitari

Mario Di Stasi 25 Settembre 2013

E' chiaro il messaggio che lancia l'associazione universitaria, Azione Universitaria sul caso degli Affitti In Nero e degli Scandali Universitari: "Tra scandali e raccomandazioni nessuno si occupa degli studenti""Come se non bastassero i recenti scandali universitari su test, concorsi, raccomandazioni, anche quest'anno non possiamo dimenticarci del crescente fenomeno del caro affitti e degli affitti in nero che si ripresenta puntualmente a ogni inizio di anno accademico.

Il rifiuto da parte di furbi proprietari di casa e la paura di gravare ulteriormente sulla tasche delle proprie famiglia, portano spesso gli studenti, soprattutto fuori sede ad accettare stanze o appartamenti in affitto senza regolare contratto, affitti in nero e non a norma”, – è l’allarme lanciato in una nota congiunta da Diana Fabrizi e Raffaele Freda rappresentanti in Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari per la lista Studenti per la Libertà sul caso Affitti in Nero – Azione Universitaria. –

“Insistiamo sull’importanza fondamentale – prosegue la nota – di istituire a livello nazionale un network coordinato di agenzie immobiliari di affitto all’interno di ciascun Ateneo, come avviene già singolarmente in alcune sedi universitarie come RomaTre o Padova; un sistema di uffici ad hoc controllati e gestiti dalle Università che metta in contatto gli studenti e i locatori, garantendo agli uni adeguata tutela e condizioni trasparenti e agli altri agevolazioni fiscali, ad esempio sulle spese di registrazione, nel caso di sottoscrizione di regolari contratti.”“Presenteremo la nostra proposta anche al Ministro Carrozza, e invitiamo nuovamente il Governo e il Parlamento a discutere e approvare in tempi rapidi disposizioni legislative atte a limitare tale fenomeno, dal momento che la regolarità dei contratti di locazione determinerebbe sicurezza per studenti e famiglie ma anche importanti entrate per lo Stato che potrebbero essere reinvestite in servizi per gli studenti e l’università”  – concludono i due rappresentanti in CNSU circa il caso Affitti in Nero. –
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Di Stasi Editore, opera da più di 15 anni nel mondo dell’informazione e della comunicazione. Avvocato e Giornalista, non ha mai lasciato il mondo universitario che ha ben conosciuto quando da studente, ha ricoperto per due anni la carica di Consigliere, e che continua a scoprire quotidianamente da interno all'Università. E’ proprio il connubio tra informazione e Università che lo ha portato a fondare Controcampus, offrendo agli studenti e a tutti coloro che vivono l'università, la scuola, la formazione e il mondo del lavoro, un giornale per essere informati, e un foglio per dar voce a chiunque abbia voglia di confrontarsi. Una carta che riconosce o che permette di far conoscere riconoscere i diritti essenziali di una classe spesso messa da parte, relegata, "I GIOVANI" La sua Vision? Il lettore prima di ogni cosa. La sua Mission? Ascoltare, Pensare, Scrivere e Comunicare per fare Impresa. Leggi tutto