• Google+
  • Commenta
29 settembre 2013

La politica dei partiti e la politica dei politichesi

I dominatori hanno sempre saputo che affinché le masse potessero procedere volentieri e magari con entusiasmo verso un dato obbiettivo, dalla guerra contro Il Medio-Oriente alla guerra contro i potenti vicini, occorre dar loro l’impressione che siano esse stesse a prendere la decisione di marciare.

Casta Politica

Casta Politica

Intere generazioni hanno assistito a grandi dimostrazioni di questo principio, rese possibili dai mass-media. Già  Mussolini e Hitler parlavano dal balcone e al microfono, quando tutto era ormai deciso, alle masse che si eccitavano al fragore degli altoparlanti, al rombo dei tamburi e al grido possente.

Da allora le cose non sono poi così cambiate perché recentemente psicologi servizievoli ed esperti di vario genere hanno raffinato le tecniche della falsa partecipazione, rendendone possibile l’applicazione persino all’interno dei partiti e di altre associazioni democratiche dove hanno avuto luogo discussioni apparentemente libere ed aperte, ma in realtà sottilmente guidate in modo da produrre, non solo la prevalenza di una tesi, ma una calda unanimità.

In tempi ordinari si preferisce scoraggiare ogni pretesa di partecipazione politica ed a questo fine, si favorisce la tendenza dei “ sudditi ” a credere che i problemi comuni possano essere affrontati bene solo sulla base di una specifica competenza: per cui vanno lasciati agli “ esperti ” politici. Anche i mass media possono servire a diffondere questa convinzione, mostrando i problemi come terribilmente tecnici e complessi. Ma sarà soprattutto l’alto valore della specializzazione nel loro lavoro quotidiano e prima ancora a scuola che aiuterà i ” sudditi ” a farsi il concetto della politica, come alta scienza.

L’ idea che la politica va lasciata agli esperti possa contribuire a spianare la via al fascismo avanzante e ad una distorta concezione della programmazione e così accade ancora una volta che uno strumento, ideato per la liberazione dell’uomo, serva ad opprimere la libertà all’ interno di una falsa democrazia.

Infatti quando la democrazia è una mera facciata , dietro alla quale si nasconde la dominazione di gruppi ristretti, questi ultimi sono impegnati in un grande sforzo per impedire che la partecipazione dei dominati alla politica possa diventare, da teoretica a pratica. Allo scopo vanno attuate direttamente o indirettamente anche tutte quelle forme di manipolazione; infatti tutti i cittadini che ingenuamente prendono sul serio il diritto di partecipare alla formazione della volontà politica lottando per far prevalere un loro punto di vista, allora entra in gioco la macchina del controllo manipolativo. Questa è solitamente costituita dalle oligarchie che di fatto signoreggiando i partiti, dalle correnti organizzate, dall’ apparato burocratico e da certe regole scritte che sono state pensate apposta per falsare il gioco democratico. Al cittadino resta pertanto una sola possibilità, se vuole partecipare alle decisioni politiche deve asservirsi ad un’oligarchia ed intrupparsi in una corrente perché se egli dovesse tentare di essere se stesso, proponendo o cercando di attuare ciò che gli sembra giusto e che non coincide con ciò che vogliono i potenti, si scontrerà inevitabilmente nel muro omertoso dei potenti e di tutti quei cittadini che spendendo le loro giornate nel lavoro ripetitivo e meccanico, nel rumore e nella confusione della città, nelle letture e negli spettacoli idiotizzanti delle comunicazioni di massa non può avere tempo, energia e chiarezza mentale per la politica.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy