• Google+
  • Commenta
2 gennaio 2017

Saldi invernali 2017: quando iniziano, calendario e date saldi inverno

Saldi invernali 2017
Saldi invernali 2017

Saldi invernali 2017

Inizio saldi invernali 2017: quando iniziano i saldi in Italia nei negozi, centri commerciali e outlet, ecco il calendario regione per regione con le date dei saldi inverno.

Con l’inizio di gennaio arriva per tutti il momento di chiedersi: quando iniziano i saldi? La stagione degli sconti su abbigliamento uomo, donna e bambino, ma anche delle promozioni su elettrodomestici, scarpe e accessori inizia, in genere, nella prima metà del mese. Per molti questa diventa l’occasione di poter rinnovare il proprio guardaroba con qualche articolo della recente collezione autunno-inverno. Altri, invece, si limiteranno ad acquistare solo pochi capi e accessori, confermando il trend in ribasso delle vendite dell’ultimo periodo.

I saldi invernali 2017 iniziano in tutta Italia nella stessa data. Anche se, anche quest’anno, ci sono state due particolari eccezioni.

Per Sicilia e Basilicata il via è partito proprio il 2 gennaio. Come pure la Valle d’Aosta potrà beneficiare dei saldi anticipati. 

Ma qual è allora il calendario saldi 2017 regione per regione? In realtà non serve molto per fissare alla mente la data inizio saldi. In Lombardia, Campania, Piemonte e Toscana i saldi inverno iniziano il 5 gennaio 2017. Come pure nel Lazio, Emilia Romagna, Puglia, Sardegna, Veneto e Calabria. Il giorno di inizio, quindi, è lo stesso per tutte le regioni. Come pure le regole da ricordare alla cassa per evitare spiacevoli sorprese in caso di reso e cambi.

Saldi invernali 2017: calendario con data inizio e fine regione per regione, negozi, outlet e centri

Lo scorso anno le vendite avvenute durante la stagione dei saldi non sono state elevate. E la riduzione dei consumi è stata avvertita anche quest’anno durante le festività natalizie. I dati non sono incoraggianti, secondo il presidente Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio, Renato Borghi. A quanto pare neanche quest’anno per i negozianti sarà una stagione facile. Da Milano a Roma, Napoli o Firenze, i saldi invernali diventano l’occasione per incrementare le vendite deludenti dei giorni passati.

Ma il timore è che si replichino gli scarsi risultati del 2016. Purtroppo, anche se le percentuali di sconto sono interessanti, e superano il 20, 30 o 40%, per molti consumatori diventa difficile lasciarsi tentare in tempi di crisi e accortezze.

E così per i saldi 2017 anche a Bari, Venezia, Torino, Bologna o Genova non ci sarà la ressa nei negozi. Le persone cariche di buste e acquisti restano un lontano ricordo degli anni passati. Mentre ora ci si limita ad acquistare il minimo indispensabile per tutta la famiglia. 

Di certo i capi di abbigliamento saranno tra i prodotti più acquistati durante la stagione delle vendite promozionali. Come pure non mancheranno occasioni vantaggiose per chi, invece, preferirà spulciare tra le offerte dei saldi online. Molti e-commerce propongono vendite promozionali tutto l’anno, senza particolari limiti temporali. Secondo Codacons, l’intera politica che regola la stagione dei saldi andrebbe rivista, per incoraggiare le vendite tutto l’anno, e non soltanto durante le settimane di fine stagione.

Stando alle previsioni di FederConsumatori e Adusbef, solamente il 39% delle famiglie farà acquisti dal prossimo 5 gennaio. Ed anche in maniera limitata, perchè gli aumenti annunciati per il 2017 creano un atteggiamento di cautela nei confronti dei consumi.

Quando iniziano i saldi invernali 2017, e consigli su resi e cambi

Come anticipato. il 2 gennaio 2017 in Basilicata e Sicilia sarà già possibile acquistare a prezzi ribassati. Ed il 3 gennaio sarà la volta della Valle d’Aosta. Tutte le altre regioni, invece, dovranno attendere il giorno prima dell’Epifania, il 5 gennaio. Manca quindi pochissimo, e anche quest’anno Confcommercio ricorda alcune regole utili per negozianti e consumatori.

Il cambio nei saldi invernali, in caso di ripensamenti, può avvenire solo se il negoziante lo consente. Quindi è consigliabile informarsi al momento dell’acquisto se è consentito o meno il cambio. Se il prodotto è danneggiato o non conforme, allora il negoziante è obbligato alla sostituzione o riparazione del prodotto. Nel caso ciò non sia possibile, allora il negoziante è tenuto alla restituzione del prezzo pagato.

La prova di un capo o di un prodotto non è obbligatoria. Ma anche in questo caso è rimessa alla discrezionalità del negoziante. Possono essere messi n vendita promozionale anche prodotti della passata stagione. Inoltre ricordiamo che sul cartellino deve essere indicato il normale prezzo di vendita, la percentuale di sconto, e il prezzo finale del prodotto.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy