• Google+
  • Commenta
16 Novembre 2018

Come diventare stilista con o senza scuola: formazione e guadagno

Come diventare stilista con o senza scuola
Come diventare stilista con o senza scuola

Come diventare stilista con o senza scuola

Consigli su come diventare stilista: la passione per gli abiti, la formazione come stilista di moda ed il tirocinio presso grandi brand.

Diventare stilista è il sogno di molte ragazze e ragazzi che amano il mondo della moda. Ogni anno, durante le fashion week di Milano, Roma, Parigi, vediamo sfilare modelle che indossano capi nuovi e molte si chiedono: “Come diventare fashion designer? Che scuola bisogna fare? si può diventare stilista senza saper disegnare? E come posso diventare stilista di abiti da sposa? Si può diventare stilista senza frequentare una scuola?”

Essere stilista in Italia è molto difficile. Questa figura professionale si occupa di disegnare e realizzare gli indumenti che generalmente ritroviamo nei negozi. Alcuni stilisti lavorano anche su diversi capi di abbigliamento (t-shirt, pantaloni, canotte etc..), mentre altri scelgono di specializzarsi in una sola area.

Altri ancora scelgono di realizzare e produrre anche accessori come borse, gioielli, accessori, profumi, cappelli. Ma tutta questa filiera è mossa principalmente da un invisibile desiderio che sin da piccoli muove le giornate: la passione.

Da piccoli si iniziano modificare con ago e filo i primi vestiti, ma crescendo, con il tempo bisogna formarsi adeguatamente per poter entrar a far parte del mondo della moda ed iniziare a costruire il proprio sogno e vederlo realizzato.

Creatività, senso artistico e volontà di sperimentare sono i principali ingredienti che un bravo stilista deve possedere per poter fare questo lavoro anche ad altri livelli.

Come diventare stilista di moda o di abiti da sposa: come funziona, scuola e corsi

Abbiamo detto quanto è importante la formazione per poter essere bravi in questo campo. Ed abbiamo compreso che molti fashion designer non si fermano solo alla realizzazione di un solo capo, ma di tutta una gamma di indumenti e a volte anche di accessori. Ma come diventare stilista di moda oggi? Bisogna frequentare degli istituti specifici?

Da diversi anni in Italia sono attivi corsi di formazione triennale orientati verso il mondo del fashion. In alcune università statali esistono corsi in cui si studia storia del costume, ma in altri istituti, soprattutto privati, si può acquisire un titolo professionale riconosciuto in tutto il mondo. Durante questi corsi è possibile acquisire le nozioni base per riconoscere i tessuti, abbinare i colori ed imparare le tecniche di disegno creativo. Successivamente bisognerà acquisire l’abilità di tradurre le tendenze in vestiti. E prendere parte alle fiere di settore, soprattutto per quanto riguarda il settore wedding.

Alla fine di questo percorso sarà possibile svolgere importanti tirocinii all’interno case di moda, in uffici stile, in sartorie o presso aziende. Ma per poter essere un bravo stilista, quali competenze e requisiti bisogna avere? 

  • Senso della moda;
  • Abilità interpersonali e comunicative;
  • Forti capacità di gestione e trattative;
  • Essere in grado di lavorare con assistenti e altri membri dello staff;
  • Doti organizzative importanti;
  • Avere una buona gestione del tempo e delle priorità per soddisfare la domanda;
  • Essere responsabile, affidabile ed organizzato.

Come ogni lavoro creativo, essere stilisti richiede grande amore, competenza ed una professionalità immensa ed un’ampia tenacia da tenere ben stretta soprattutto nei momenti di bui.

Quanto guadagna uno stilista e cosa fa per lavoro nella moda

Abbiamo visto come diventare stilista e quali competenze deve avere chi muove i primissimi passi in questo settore. Ma quanto guadagna uno stilista? 

Il lavoro dello stilista anche se può sembrare semplice, richiede molta attenzione e precisione. È un lavoro che inizia realmente solo dopo aver fatto diversi anni di gavetta in aziende ed ha bisogno di un costante aggiornamento soprattutto per lo studio dei colori e delle diverse tendenze. Molto spesso gli stilisti sono costretti a seguire anche le mode dettate dalle grandi fashion blogger e influncer come Chiara Ferragni.

Progettare e creare indumenti per uomo, donna e bambino; Studiare tessuti, trame, forme e colori; Esplorare e valutare le nuove tendenze anche grafiche; Coordinare il lavoro con i reparti di progettazione/produzione per verificare misure, modifiche e comunicare le eventuali correzioni ed assicurarsi che le scadenze vengano rispettate, sono solo alcune delle responsabilità che un bravo stilista deve saper portare avanti con successo.

Per questo motivo la filiera della moda, soprattutto dell’alta moda, quella di Dolce e Gabbana, di Gucci, di Armani hanno costi di produzione e di vendita altissimi e guadagni stellari per chi ha la fortuna di poter lavorare a pieno ritmo nel mondo dei lustrini.

Lo stipendio medio di un bravo stilista può ammontare intorno ai 50.000 euro all’anno. 26 euro l’ora. Ma per chi lavora in ambiti più ristretti lo stipendio medio è di 35.000 euro l’anno. Mentre solo i grandi professionisti riescono a raggiungere anche quote di 70.000 euro l’anno.

Google+
© Riproduzione Riservata