• Google+
  • Commenta
25 Marzo 2019

Come essere Barbie: diventare come una bambola, cosa fare, make up

Foto per capire come essere Barbie
Foto per capire come essere Barbie

Foto per capire come essere Barbie

In occasione del suo sessantesimo compleanno ecco come essere Barbie: consigli per diventare come lei, quale trucco, pettinatura e look scegliere per somigliare alla bambola della Mattel.

Una breve guida su come truccarsi e vestirsi per assomigliare alla fashion doll più amata di sempre, per avvicinarsi al suo stile e alla sua immagine.

Ecco alcune curiosità per trasfromarsi nella Barbie umana, senza ricorrere alle estreme trasformazioni della chirurgia plastica come ha fatto la sua sosia pefetta Valeria Lukyanova.

Diamo uno sguardo agli outfit più cool della bambola storica, per avere una direttiva da seguire per somigliarle il più possibile.

Piccoli consigli da seguire per diventare come la bambolina più famosa del mondo, utili per imitarne il look, l’hairstyle e il make up.

La storia di Barbie è radicata nel 1936, quando Ruth Mosko, finito il liceo, si trasferisce a Los Angeles e conosce il suo futuro fidanzato e poi martio, Elliot Handler. Handler lavorava con  Harold Mattson, suo migliore amico, e insieme producevano manufatti in legno. I due daranno vita alla Mattel, che sarà il colosso del mondo dei giocattoli. “Mattel”- nome nato dall’unione dei cognomi “Mattson” ed “Handler”- sarà la casa produttrice.

Come è nata l’idea della bambola? Nasce ufficialmente il 9 Marzo 1959. Furono vendute 351 mila bambole, e il prezzo si aggirava sui tre dollari. La creazione della Mattel segnò una rivoluzione nel mondo dei giochi delle bambine: somigliava alle star dei cinema, era giovane, bella, imitava le donne e non era più minuscola. Il suo corpo era stato rivoluzionato, così come i suoi outfit.

Come essere Barbie: cosa fare per assomigliare ad una bambola, trucco, make up occhi e look

Ruth diede vita ad una nuova forma delle bambole: sua figlia Barbara da cui deriva il nome Barbie, giocava con i ritagli delle immagini delle attrici, presi dalla rivista. Erano donne grandi che fungevano da madre alle baby dolls del tempo. Come creare le madri per le baby dolls e soddisfare sua figlia?

Nel 1956, dopo essere stata in Svizzera, Ruth decide di importare negli States la bambola Bild Lilli: ne studia la struttura e con Mattson ed Handler inizia a produrre diversi modelli. Sarà un successo. Imiterà i modi di fare, i lavori, gli stili di vita e le sembianze delle donne mature.

Christian Lacroix l’ha definita: “Ispirazione costante, simbolo di energia e di vita”: tuttavia non sono mancate le critiche al modello corporeo imposto dalla bambola.

Nonostante i canoni fisici discutibili, completamente ridefiniti nella nostra era, questo giocattolo ha fatto sognare milioni di ragazzine lanciando un messaggio rivoluzionario: non abbiamo bisogno di Ken per affermare la nostra femminilità.

Cosa fare per assomigliare ad una bambola? una bambola come lei può essere chi vuole e come vuole: milioni di look, studiati nei minimi dettagli. Dall’infermiera alla cuoca, dalla sportiva alla principessa, dall’artista alla dottoressa: sono oltre 200 i lavori che può fare e permette alle bambine di vedersi come presidente degli Stati uniti, astronauta, hostess.

Gli outfit sono migliaia: la Mattel ha creato un settore specializzato nell’ideazione e costruzione dei look della bambola.

Oggi la fashion dolls ha diverse pettinature e diverse sembianze: dopo il 1980, che vide la nascita della Black Barbie, sono arrivate in commercio le bambole curvy, quelle con l’hijab, oggi la versione in sedia a rotelle e con la protesi. Perchè la bellezza ha più forme.

Look per diventare una fashion doll: cosa fare, trucco occhi e viso

Foto make up per capire come essere Barbie

Make Up Barbie

Tuttavia per anni, la bambola  è sempre stata bionda, sorridente, con gli occhi azzurri e capelli lunghi.

Ha sfoggiato migliaia di look, indossato jeans, vistiti scintillanti, cappelli, orecchini, tacchi, sneakers. Si è divertita ad indossare tutte le uniformi. Non ha rinunciato agli animali domestici.

Utilizza ogni attrezzatura. Ha guidato auto, ha avuto case, ville, castelli. Indossa corone, caschi, cerchietti, fasce.

Possiamo definirla la prima influencer della storia.

I look indimenticabili della bambola sono stati tanti:

  1. Lei che imita l’inconfondibile uniforme icona di Karl Lagerfeld
  2. L’abito scollato nero con trasparenza firmato Zuhair Murad
  3. Il mini-dress con coda Pink Pantone,
  4. L’abito da sposa di Reem Acra, 2007
  5. Il completo disegnato da Ralph Lauren: cappotto blu,pantaloni e lupetto nero, 1996

Imitare i look più semplici è una missione semplice perchè l’armadio di Barbie è vario, alla portata di tutte ed è facilmente riproducibile nella realtà.

Essere una bambola è semplice. Divertiti e sogna, diventa ciò che vuoi: I can be, questa è la rivoluzione di essere una bambolina.

Google+
© Riproduzione Riservata