• Google+
  • Commenta
31 Maggio 2019

Quota 100 oggi 31 maggio 2019: ultime notizie sulle pensioni

Ultime notizie sulla pensione oggi 5 giugno 2019
Quota 100 oggi 31 maggio 2019

Quota 100 oggi 31 maggio 2019

News sulla pensione anticipata quota 100 oggi 31 maggio 2019 e ape sociale: ultime notizie sulle pensioni dopo le elezioni europee per il governo Salvini, Di Maio.

Quota 100 oggi venerdì 31 maggio, mette in luce un elemento finora escluso in materia pensione: i cosiddetti “Fondi di solidarietà bilaterali” che consentirebbero anche ai lavoratori con 57 anni di età e requisiti dovuti, di ritirarsi in anticipo dal lavoro.

Per far sì che questo accada, il contesto dell’impiego, deve basarsi su  relazione tra impresa e sindacato. Dovrà altresì essere stipulato un accordo di “ricambio generazionale”, con  l’assunzione di personale che andrà a sostituire chi va in pensione prima. In apertura di giornata però, le ultime notizie sulle pensioni, giungono dal mondo della scuola. Sembra infatti che in queste ore, si stia creando un vero e proprio caos, in quanto si registrano ritardi nel pensionamento anticipato.

Questo quindi non consente di organizzarsi per il prossimo anno. L’unica cosa possibile a quanto pare, sarebbe che il Miur sbloccasse le graduatorie per consentire a tanti abilitati, di essere finalmente immessi in ruolo. Ma in questo venerdì di fine mese, l’attenzione su quota 100, ha automaticamente amplificato il problema pensioni, la cui riforma dovrebbe basarsi su tre elementi: permanenza, equità e sostenibilità. La soluzione potrebbe essere la correzione sull’assegno retributivo tale da evitare la creazione di qualsiasi debito pubblico e la garanzia di una pensione contributiva per tutti. La questione al momento, nonostante leggi e decreti, continua a far discutere del Governo in carica e delle tante misure ancora da adottare. Di conseguenza vedremo come si evolverà nei prossimi giorni la situazione, sperando in un contenzioso positivo!

Novità quota 100 oggi 31 maggio 2019: ultime notizie sulle pensioni anticipate anche da 57 anni

Questo venerdì 31 maggio, chiude il mese con tanti interrogativi sul tema quota 100 e l’argomento pensioni ad esso correlato. Finora si è parlato della possibilità di un pensionamento anticipato per coloro che abbiano 62 anni di età e 38 anni di contributi. Nessuno però aveva divulgato l’altra parte del decreto, quella cioè legata ai fondi di solidarietà. Grazie ad essi, pure il lavoratore di 57 anni può tranquillamente ritirarsi dal lavoro se possiede i requisiti richiesti. Il problema di questo decreto, come si nota già dal contesto scolastico, nasce dal rallentamento con cui vengono valutate, accettate e presentate le domande.

Di conseguenza la preoccupazione principale, nasce dal timore di non avere abbastanza tempo poi per organizzarsi e riempire i posti vuoti lasciati. Tanti si chiedono anche come possa questa legge fronteggiare la questione del debito pubblico e della crisi finanziaria. La verità è che sarebbe necessario un assegno contributivo per tutti che non incida sullo Stato, e riesca ad invogliare anche i giovani che vivono come emarginati. E’ incerto infatti che nel futuro i giovani di oggi possano percepire una pensione minima e dignitosa, per l’occupazione temporale e saltuaria a cui sono costretti. Altro elemento questo a cui provvedere, prima di trovarsi d’innanzi ad aziende pubbliche e private, vacanti nei propri ruoli ufficiosi.

Ultime notizie sulle pensioni anticipate e lavoratori pensionistici precoci

Maggio si chiude sul piano economico e politico, così com’era iniziato: la questione quota 100 e le pensioni anticipate. Si è parlato in questi giorni di tagli sulle pensioni d’oro, sulle pensioni con importi alti più del dovuto, si è parlato dei requisiti, contributi e manifestazioni in virtù di diritti spettanti.

Oggi ci si chiede come tutelare i vuoti che presto lasceranno i lavoratori pensionistici precoci. Questo significa affrontare anche il problema della disoccupazione giovanile e sbloccare eventuali concorsi. Il tutto per non trovarsi impreparati all’assenza di personale che con grandi probabilità tenderà a creare un clima di forte instabilità.

Google+
© Riproduzione Riservata