• Google+
  • Commenta
29 Ottobre 2019

2:22-Il destino è già scritto: trama, recensione, cast e trailer

2:22-Il destino è già scritto
2:22-Il destino è già scritto

2:22-Il destino è già scritto

Ecco di cosa parla 2:22-Il destino è già scritto, film diretto da Paul Currie, con Michel Huismian e Teresa Palmer: trama, scheda tecnica, cast ufficiale e trailer.

Pellicola decisamente eclettica, quella sviluppata da Currie che tratta le vicende del controllore del traffico aereo, Dylan Branson, e le sue visioni spazio-temporali.

Il protagonista della storia è interpretato dall’attore Michel Huismian (noto per film come “Adaline – l’eterna giovinezza”).

Ad affiancarlo in questo viaggio oscillatorio tra spazio e tempo l’attrice Teresa Palmer (attrice di “Point Break“) nei panni di Sarah, la ragazza di cui s’innamora Dylan.

A completare il cast Sam Reid alias Jonas, artista ed ex fidanzato di Sarah coinvolto nelle vicende proprio a causa delle sue opere d’arte.

2:22 non è solo un orario che compare nel titolo di questo prodotto cinematografico, ma un autentico rompicapo intorno al quale ruota l’intera narrazione. Paul Currie riesce ad avvolgere la fitta rete di eventi che prendono corpo nel film facendoli camminare su due linee temporali apparentemente lontani ma in realtà vicinissime.

Di cosa parla 2:22-Il destino è già scritto: trama e recensione del film di Paul Currie

Una trama originale, dunque, quella del regista, che accompagna lo spettatore  in un’avventura dai toni thriller, action e sci-fi.

Come detto il protagonista della storia è Dylan Branson, un controllore del traffico aereo che conduce la propria vita sempre focalizzato sui particolari. Una concentrazione che non lo abbandona mai e lo porta a “sviluppare” la capacità di notare degli autentici squarci spazio – temporali.

Una serie di loop ciclici iniziano a pervadere la vita di Dylan, che notandone la ripetitività quotidiana cerca di capirne di più. Inizia così il viaggio investigativo del protagonista il quale troverà sul suo cammino la piacevole compagnia di Sarah, una sua collega. I due iniziano a frequentarsi dando vita ad una relazione. Ben presto però le cose si complicano, con l’entrata in scena di altre due figure: Jonas e Jake.

Il primo è l’ex fidanzato di Sarah, nonchè artista che tiene mostre a New York. In una di queste Dylan nota un dipinto raffigurante le visioni avute in occasione di un loop precedente. La curiosità di quest ultimo aumenta dopo aver notato questo ulteriore particolare e si trasforma in un’ossessione che lo allontana da Sarah, che finisce per ritornare tra le braccia di Jonas.

Il giovane controllore aereo capisce che Jonas è in qualche modo coinvolto nella serie di eventi ripetitivi che si manifestano, avendoli rappresentati su tela. Tuttavia fingendo di essere all’oscuro di tutto l’artista favorisce la separazione tra Dylan e Sarah.

Jake, invece, è il nome di un uomo vissuto anni prima legato da una storia d’amore ad una certa Evelyn Mills. Nonostante siano vissuti ben cinquant’anni prima, i due si rivelano una specie di reincarnazione di Dylan e Sarah, avendo vissuto gli stessi eventi. Un passato che quindi si ripropone nel presente attraverso dei loop che finiscono sempre alle 2:22.

Come finisce il thriller misterioso e sci-fi di Currie

L’elemento che caratterizza il film di Currie è sicuramente il ripresentarsi dei fatti con una ricorrenza ben definita. In casi come questo due cose interrompono la ridondanza temporale: un imprevisto o il compiersi del destino.

La ciclicità, infatti, ha fine quando in seguito ad una sparatoria avvenuta in una stazione di New York Jonas muore e Dylan resta ferito per proteggere la sua amata da una pallottola. Tutto ciò simboleggia una deriva degli eventi che da quel momento in poi prendono una piega diversa rispetto alla consuetudine sancendo lo scorrere in avanti del tempo.

Tempo, spazio, mistero e toni fantascientifici caratterizzano il racconto del regista australiano, alimentando un thriller confusionario in cui il caos iniziale fa spazio ad una regolarità finale. Questi elementi fanno rientrare a pieno titolo tale prodotto filmico in una serie di altri lavori basati sui loop temporali.

Scheda tecnica del film 2:22-Il destino è già scritto e trailer HD

Scheda tecnica
Dylan Boyd è un controllore di traffico aereo: la sua capacità di vedere e costruire schermi dove altri vedrebbero solo il caos. Un giorno questa abilità si ritorce contro di lui e fissa la sua mente su una serie di eventi, che sembrano ripetersi dal mattino fino alle ore 2.22.
Titolo2:22 - Il destino è già scritto
Durata98'
Generethriller/sci-fi
CastMichiel Huisman, Teresa Palmer, Sam Reid
RegiaPaul Currie
Anno di prod.2017
Google+
© Riproduzione Riservata