The perfect date: trama, recensione, cast e trailer del film

Mario Ragone 9 Dicembre 2019

Ecco di cosa parla il film The perfect date, diretto da Chris Nelson con Noah Centineo: trama, recensione, cast, scheda tecnica e trailer.

La pellicola del regista americano si basa sul romanzo di Steve Bloom “The Stand-In” (titolo iniziale del film prima del cambiamento targato Netflix) e ruota intorno al personaggio di Brooks Rattigan. Quest ultimo, interpretato dall’attore Noah Centineo, è un liceale disposto a tutto pur di realizzare le proprie ambizioni esistenziali. Al suo fianco vi sono Celia e Murph, rispettivamente fidanzata e miglior amico del protagonista. I due hanno il volto di Laura Marano ed Odiseas Georgiadis. Da sottolineare, inoltre, la presenza di Matt Walsh (attore di grande fama spesso spalla del regista Todd Philipps) che recita nei panni del padre di Brooks,

La trama di The perfect date è strettamente legata alla tematica sentimentale del rapporto di coppia.

Essa viene esplorata mediante le relazioni amorose e affettive del protagonista spesso a metà strada tra verità e finzione. Un cast molto giovane porta tutto ciò sullo schermo alternando opportunamente momenti di leggerezza e profondità. Chris Nelson riesce, dunque, ad analizzare i sentimenti e quanto essi comportano, calandoli in un contesto fatto di app e party collegiali.

Trama e recensione The perfect date con Noah Centineo e Laura Marano: di cosa parla il film

Dopo aver sondato quella che è la superficie del racconto filmico di Nelson, è possibile addentrarsi ora nelle pieghe narrative con la recensione di The perfect date. La storia prende il via dall’ultimo anno di college di Brooks Rattigan, un liceale che ambisce ad andare a Yale. Accompagnato dal fedele amico Murph, il ragazzo utilizza diversi espedienti in chiave amorosa per raggiungere il proprio obiettivo.

Inizialmente Brooks inscena una finta relzione con Celia (Laura Marano) per guadagnare qualche soldo extra rispetto al suo lavoro in un fast food. Non avendo, infatti, molte risorse economiche a disposizione, il protagonista le prova tutte ben conoscendo la realtà costosa di Yale. A partire dal legame con Celia, Brooks innesca una serie di eventi a cascata che coinvolgono Shelby e Franklin. I due rappresentano il reale interesse sentimentale del protagonista e della sua amica. Entrambe le coppie ben presto si concretizzano ma incontrano numerosi ostacoli, soprattuto di intenti e comunicazione. Brooks scopre, infatti, che le sue ambizioni differiscono molto da quelle ben delineate di Shelby. Celia, invece, si rende conto dopo un po’ di non essere poi così interessata a Franklin.

Nel bel mezzo di tali difficoltà di rapporto tra i personaggi, vi è poi, un’app chiamata “amico in affitto. Creata in principio da Brooks allo scopo di trovare lavoro come accompagnatore occasionale, essa si rivela un ostacolo più che un aiuto. Proprio a causa dell’applicazione, infatti, viene smascherata la verità riguardo la vita del protagonista. Avendo nascosto fin dall’inizio le sue reali condizioni economiche, Brooks si ritrova costretto a confessare tutto a Shelby.

Il finale del film sentimentale di Chris Nelson con Noah Centineo

Giunte entrambe le coppie alla rottura, Brooks e Celia, accomunati dalla medesima esperienza sentimentale, si avvicinano inaspettatamente. Dopo aver chiuso l’app (a causa dei danni provocati), e aver avuto un dialogo chiarificatore col padre (Matt Walsh), il ragazzo decide di scrivere una lettera a Celia. Prima di incontrarla, però, fa un’altra scelta importante: accetta l’offerta formativa del college del Connecticut. L’applicazione, infatti, non era stato solo uno strumento negativo per lui, ma lo aveva aiutato anche a capire chi fosse. Il ragazzo, scoprendo di non voler più mentire per ottenere ciò che vuole dalla propria vita, sceglie di non andare più a Yale perchè lì non sarebbe stato sè stesso.

L’epilogo della storia vede Celia ricevere la lettera da Brooks e scoprire per lui un sentimento forte. Quest ultimo, nel frattempo, le aveva spiegato le motivazioni del proprio gesto avvenuto con così grande ritardo. Svelato il reciproco interesse, i due si baciano sancendo un nuovo legame ed un nuovo inizio insieme.

Chris Nelson con tale opera cinematografica, distribuita da Netflix, sviluppa la tematica amorosa con una visione moderna e fresca. L’uso di un cast giovanissimo si rivela una scelta azzardata ma vincente perchè allineata al focus del suo prodotto. Il giusto mix di spensieratezza e sentimento, infatti, viene veicolato al meglio dagli attori coinvolti, dando il peso che merita ad ogni momento del racconto.

Scheda tecnica del film The perfect date e trailer HD Netflix

Scheda tecnica
Brooks Rattigan è un liceale con ambizioni esistenziali ben chiare: andare a Yale ed avere tutto ciò che desidera dalla propria vita. Un'app e relazioni amorose a metà strada tra verità e finzione ne caratterizzano il percorso verso il raggiungimento dei suoi obiettivi.
TitoloThe perfect date
Durata90'
Generesentimentale
CastNoah Centineo, Laura Marano, Matt Walsh
RegiaChris Nelson
Anno di prod.2019
Scheda tecnica
Brooks Rattigan è un liceale con ambizioni esistenziali ben chiare: andare a Yale ed avere tutto ciò che desidera dalla propria vita. Un'app e relazioni amorose a metà strada tra verità e finzione ne caratterizzano il percorso verso il raggiungimento dei suoi obiettivi.
TitoloThe perfect date
Durata90'
Generesentimentale
CastNoah Centineo, Laura Marano, Matt Walsh
RegiaChris Nelson
Anno di prod.2019
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto