• Alemanno
  • Santaniello
  • Bonanni
  • Bonetti
  • Tassone
  • Mazzone
  • Falco
  • Carfagna
  • Catizone
  • Gelisio
  • Cacciatore
  • Califano
  • Paleari
  • Barnaba
  • Boschetti
  • Ward
  • di Geso
  • Miraglia
  • De Leo
  • Baietti
  • Dalia
  • De Luca
  • Quaglia
  • Chelini
  • Quarta
  • Scorza
  • Gnudi
  • Rinaldi
  • Casciello
  • Buzzatti
  • Valorzi
  • Liguori
  • Grassotti
  • Coniglio
  • Romano
  • Napolitani
  • Andreotti
  • Romano
  • Meoli
  • Algeri
  • Cocchi
  • Leone
  • Crepet
  • Bruzzone
  • Pasquino
  • Rossetto

Lavorare a La Repubblica: come fare, candidatura e stipendio

Daniela Attanasio 12 Aprile 2021
D. A.
11/05/2021

Come fare per lavorare a La Repubblica quotidiano: offerte e posizioni aperte, come visualizzare la candidatura spontanea a lavora con noi.

Parliamo di un quotidiano che ha sede a Roma ed è gestito da GEDI Gruppo Editoriale. Rappresenta il secondo quotidiano in Italia per diffusione e numero di lettori.

Fondato da Eugenio Scalfari nel 1976, all’inizio si presentava come Berlinese a sei colonne. Il Direttore è Maurizio Molinari, da quando GEDI Gruppo Editoriale è diventata la società editrice che gestisce il quotidiano.

Presenta numerosi inserti: Affari & Finanza, che si concentra sugli avvenimenti economici e finanziari; D- La Repubblica delle Donne, che tratta attualità, cultura, moda e società. Il Venerdì di Repubblica, che è un supplemento che esce ogni Venerdì. Inoltre altri inserti che completano la redazione sono: Metropoli, R7, Viaggi e Robinson.

Recentemente ha redatto un libro dal titolo “Napoli, nessuno e centomila” che raccoglie testi inediti di cinquanta scrittori. Il tema è ovviamente Napoli accoglie firme italiane e straniere ed è stato presentato all’Università degli studi di Napoli Federico II.

Dal 2017 La Repubblica ha cambiato totalmente volto, è stato aperto un cantiere di riflessione e ascolto, che includono gruppi di discussione. In aggiunta, ha differenziato sulla versione digitale le notizie offerte gratuitamente da quelle a pagamento.

Ecco alcuni consigli su come lavorare a La Repubblica e inviare il curriculum vitae alla sezione Lavora con noi. Inoltre verranno dati informazioni utili sull’occupazione nella redazione di uno dei quotidiani più influenti del paese.

Lavorare a La Repubblica: Lavora con noi modulo e invio candidatura spontanea

Chi vuole diventare giornalista professionista per questa redazione, deve rivolgersi al sito web di GEDI Gruppo Editoriale che è l’editore che si occupa di molti giornali e radio. I candidati possono visualizzare le offerte di lavoro La Repubblica sulla sezione Lavora con noi del sito.

Qui ci sono tre possibilità a portata di click: ricerche in corso che permettono di visualizzare le posizioni aperte al momento e di visualizzare le competenze necessarie per candidarsi; area candidati, in cui si può accedere al proprio profilo munito di username e password. In quest’ultimo caso è possibile aggiornare il proprio curriculum vitae. Inoltre, si può inviare la candidatura spontanea inserendo i propri dati, le eventuali appartenenze a categorie protette e allegare curriculum vitae in formato Europass o europeo e lettera di presentazione.

C’è da aggiungere che sono segnalate nuove assunzioni per lavorare a La Repubblica sugli annunci lavoro gratuiti nell’inserto dedicato. Testimonianza che si tratta di un’azienda attenta alle tematiche sociali.

Requisiti lavoro Repubblica, carriera e stipendio

Tra i requisiti per diventare giornalista per La Repubblica, l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti e aver fatto necessaria gavetta sono fondamentali. Per essere iscritti all’Ordine, ci sono alcune scuole di giornalismo che permettono la formazione sul campo. Inoltre, è importante aver effettuato la collaborazione continuativa per almeno due anni per una o più testate giornalistiche.

La passione per la scrittura e per le tematiche sociali è alla base, ma non è tutto. Una laurea in Lettere, Comunicazione o affini sicuramente aiuta nel percorso abilitante. Lo stipendio di un giornalista dipende dal numero di articoli che riesce a redigere. Alcune redazioni stipulano contratti a ore, altri in base al numero di articoli prodotti. Solitamente la collaborazione prevede l’apertura della partita IVA da parte del lavoratore.

Guida su come lavorare a Repubblica: cosa fare e cosa no

Gli aspiranti giornalisti per lavorare in La Repubblica e nella redazione centrale, devono avere alle spalle molta gavetta. Sono numerose le firme storiche del giornalismo che hanno collaborato con la redazione. Ricordiamo Enzo Biagi, Lucia Annunziata, Roberto Saviano e Umberto Eco. Attualmente si annoverano Alessandro Baricco, Concita De Gregorio, Francesco Piccolo e Michele Serra, solo per citarne alcuni. Sarebbe molto utile seguire da vicino il lavoro di uno di questi giornalisti per capire le tematiche da trattare e il tipo di carriera a cui si vuole aspirare.

Chi si chiede come fare a lavorare a La Repubblica, i consigli da seguire sono:

  • accedere al sito di GEDI Gruppo Editoriale
  • cliccare sulla sezione lavora con noi
  • scegliere “Ricerche in corso” se il candidato vuole visualizzare le posizioni aperte
  • quindi “Area candidati” se vuole aggiornare il profilo
  • e infine “Candidatura spontanea” se si vuole inviare il proprio curriculum vitae
Scheda Azienda
Quotidiano che ha sede principale a Roma che si occupa di cronaca, attualità, società e cultura. Il Direttore del giornale è Antonio Molinari, da quando è diventata casa editrice GEDI Gruppo Editoriale, gestito dalla famiglia Agnelli. Fondato nel 1976 da Eugenio Scalfari
Nome AziendaLa Repubblica
Settoregiornalismo
Regioni in cui è presenteLazio, Campania, Puglia, Sicilia, Toscana, Emilia Romagna, Liguria, Piemonte e Lombardia
Requisiti per lavorareiscrizione all'Ordine dei giornalisti, passione per la scrittura, gavetta
Contatti - Lavora con noihttps://gedispa.altamiraweb.com/
Anagrafica Principale
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Daniela Attanasio Laureata in traduzione specialistica con la passione per la fotografia, mi occupo della redazione di articoli aventi come argomento le serie TV, da sempre mie fedeli compagne di vita. In particolare, prediligendo serie TV anglofone, mi focalizzo sulle recensioni di serie che hanno segnato la storia della televisione e di fornire anticipazioni di nuovi episodi dando succulenti spoiler al telespettatore più curioso. Oltre a migliorare le competenze linguistiche, spesso le serie TV danno dei veri e propri insegnamenti di vita. Il mio obiettivo è quello di scorgere la bellezza ovunque si trovi, anche in una serie TV Leggi tutto