• Google+
  • Commenta
7 marzo 2014

Dieta Primavera: come dimagrire e dieta primavera di Nicola Sorrentino

Patrimonio italiano la dieta mediterranea
Dieta Primavera

Dieta Primavera

Come dimagrire con la dieta primavera: ecco come dimagrire con i consigli dell’esperto e dietologo dei Vip Nicola Sorrentino.

La primavera è la stagione dei fiori e del sole ma anche delle pulizie: si cambiano i colori alle pareti, si fa il cambio di stagione nei propri armadi e, infine, si fanno pulizie decisamente più approfondite.

Le pulizie non riguardano soltanto la propria casa ma anche il corpo.

Mesi di vita sedentaria, al chiuso delle proprie case hanno portato all’accumulo di tossine e di chili di troppo. Il tutto, ovviamente, è causato soprattutto dal consumo di cibi ricchi di grassi e proteine ma poveri di vegetali. Le sostanze assunte vengono accumulate dal nostro sistema linfatico e, dunque, nel sangue venoso che le porta al fegato.

Il lavoro di quest’organo, che porta all’espulsione delle tossine, deve essere aiutato con un’alimentazione più equilibrata fatta di prodotti freschi e di stagione.

Come dimagrire con la dieta primavera 2014: ecco tutti gli step da seguire.

  • Il primo passo della dieta primavera è eliminare le tossine. È facile intuire che per aiutare fegato e reni ad eliminare le tossine è necessario abbandonare gli alimenti consumati finora, ricchi di lipidi e zuccheri, e volgere il proprio interesse a prodotti più naturali come frutta, verdura fresca, cereali integrali, legumi, semi e noci. Questi prodotti sono tutti ricchi di sostanze di antiossidanti quali vitamine C, E e il betacarotene, precursore della vitamina A, utilissimi a difendere il nostro corpo dai radicali liberi nati dall’eccessivo consumo di grassi invernali ancora presenti nell’organismo.
  • Per la colazione è consigliabile consumare cereali, preferibilmente muesli, spuntini a metà mattina e pomeriggio a base di frutta, un pranzo con insalata e cereali e una cena con una minestra di legumi e verdure miste.
  • Secondo i consigli della dieta primavera è possibile aggiungere ai pasti della giornata lo yogurt magro per il benefico effetto sulla flora intestinale e per il contenuto di vitamine del gruppo B, utili al corretto metabolismo di grassi e zuccheri, e la ricotta magra, cibo molto digeribile e nutriente.

Gli alimenti da consumare nella dieta primavera: ecco quali sono

  • Cereali: hanno un’importante funzione depurativa e, per sfruttare al massimo questa loro potenzialità, è preferibile consumarli integrali. Tra i cereali integrali il riso è quello con più spiccate doti depurative: le sue fibre hanno un benefico effetto sulle fermentazioni e microinfezioni batteriche dell’intestino.
  • Verdure: tra queste sono due quelle che si distinguono per le loro proprietà depurative: il tarassaco e il carciofo. Da una parte hanno un’azione colagogo-coleretica, stimolano cioè la produzione ma anche l’eliminazione della bile da parte del fegato, con effetto disintossicante; dall’altra sono diuretiche, e di conseguenza facilitano l’escrezione delle tossine e contrastano la ritenzione idrica. Il carciofo è indicato per i disturbi alle vie biliari, riducendo il rischio di calcolosi. Stimola l’eliminazione del colesterolo da parte del fegato e ha capacità antiuriche, aiuta cioè a smaltire gli acidi urici derivati dalle proteine animali, che potrebbero accumularsi (scorie acide) e favorire la comparsa di dolori articolari.
  • Ortaggi: i ravanelli, grazie al rafanolo, sono utili per la funzionalità epatica e sono disintossicanti, oltre a essere buone fonti di vitamina C e potassio. Con loro anche l’ortica è considerata depurativa perché agisce sulle secrezioni biliari. Pur non  essendo prodotti di stagione, anche la cipolla e i cavoli hanno proprietà diuretiche e depurative. La prima è ricca di minerali e sostanze antiossidanti come i flavonoidi e la vitamina E, ha un’azione decongestionante, diuretica, depurativa e anche di disinfettante intestinale grazie all’allicina, che le conferisce il tipico sapore. L’azione regolatrice sull’intestino è dovuta anche all’inulina, che aiuta la flora batterica “buona”. Cruda ha un maggiore effetto diuretico.
  • Frutta: la fragola è molto diuretica e favorisce l’eliminazione degli acidi urici; sarebbe preferibile scegliere le fragole coltivate con metodi naturali. Anche l’amarena è un frutto molto depurativo perché è diuretico e anche blandamente lassativo. È piuttosto difficile trovarla in commercio, perché ha un periodo di vegetazione breve tra fine maggio e inizio giugno e si conserva poco. In sostituzione è possibile consumare la ciliegia che, però, è meno forte nell’azione depurativa e può dare problemi a livello intestinale.

Cosa e quanto bere nella dieta primavera 2014:

Dieta primavera

Dieta primavera

E’ bene ricordarsi se si vuole seguire una buona dieta primavera di bere almeno due litri, due litri e mezzo di liquidi al giorno, anche sottoforma di tisane o infusi, e preferire l’acqua oligominerale a basso residuo e scarso contenuto di sodio. E’ necessario fare attenzione al consumo di alcolici in quanto esercita un’azione tossica sul fegato; un bicchiere di vino a pasto è il livello oltre cui non andare. Per quanto riguarda i condimenti, è importante non esagerare secondo la nostra dieta primavera; pur avendo poteri antiossidanti, è bene non consumare più di 2-3 cucchiai di olio extra-vergine e consumarlo sempre a crudo. Indispensabile come per ogni dieta è lo sport.

Per maggiori chiarimenti sulla dieta primavera abbiamo fatto alcune domande al dott. prof. Nicola Sorrentino, Dietologo e Idroclimatologo noto come il Dietologo dei Vip e autore del libro “Cambio Dieta”.

Nicola Sorrentino

Nicola Sorrentino

Dottor Sorrentino, la dieta primavera prevede il consumo di frutta e verdura; sono solo questi i cibi da poter consumare per depurarsi e perdere peso? Quali cibi possono essere consumati e quali no?

“Gli alimenti da privilegiare nella dieta primavera sono invece yogurt (dal quale trarre la quota giornaliera di calcio), pasta, pane, riso, che coprono le necessità di zuccheri complessi.

Abolire o limitare drasticamente questi alimenti significa andare incontro a bruschi cali della glicemia, con conseguenti ripercussioni sul benessere fisico.

Come condimento, utilizzare l’olio extravergine d’oliva, esclusivamente a crudo. Preferire le proteine vegetali  dei legumi. Abbondare con frutta e verdure: ricche di acqua, vitamine e sali minerali, hanno un elevato potere disintossicante. Ma non solo: assicurano un’elevata quantità di fibre vegetali che “puliscono” l’intestino e svolgono un’importante funzione di regolazione sulla digestione. Chi segue una dieta disintossicante ed anche dimagrante deve incrementare l’apporto idrico. L’acqua non fa ingrassare dato che non apporta alcuna caloria.

Una dieta depurativa ed energetica non contempla cibi ricchi di grassi animali (burro, lardo, panna, salumi, ecc), né tanto meno fritture ed alcolici e consiglia di tralasciare per una settimana anche formaggi, carne e pesce.”

I consigli sulla dieta primavera del dietologo dei Vip

I consigli sulla dieta primavera del dietologo dei Vip

Quali consigli pratici si sente di dare a tutti coloro che vogliono iniziare la dieta primavera 2014?

“Seguite sempre una dieta varia che, oltre a fornire all’organismo il giusto apporto di tutti i nutrienti, soddisfi anche il palato. Cercate di bere durante la giornata almeno un litro e mezzo di acqua, per aiutare l’organismo a smaltire le scorie e le tossine e per favorire il buon funzionamento dell’intestino.

Bevete al mattino a digiuno e continuate a sorseggiare lentamente acqua, durante la giornata anche se non sentite lo stimolo della sete. Non esagerate con il caffè, con il tè e con le bevande che contengono caffeina. Limitate l’assunzione di vino a 1 bicchiere al giorno (se siete abituati) ed evitate invece di bere superalcolici che possono provocare gravi danni alla salute.  Non saltate i pasti, non serve a dimagrire. Al contrario quando lo stimolo della fame diventa forte il rischio è quello di consumare dosi maggiori al pasto successivo. Limitate il consumo di zuccheri semplici, riducete la quantità di zucchero che mettete nel caffè e nel tè fino ad arrivare ad eliminarlo.

Per mantenersi in forma è fondamentale alimentarsi in modo equilibrato ma è altrettanto importante abbandonare cattive abitudini come la sedentarietà e il fumo. Se non siete sportivi, ricordate che per far movimento non serve andare in palestra, basta camminare venti minuti a passo spedito ogni giorno, salire e scendere le scale a piedi, andare in ufficio in bicicletta anziché in macchina.”


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy