• Google+
  • Commenta
12 ottobre 2016

Borsa di oggi 12 ottobre: Milano lieve flessione, quotazione azioni e btp

Borsa di oggi 12 ottobre
Borsa di oggi 12 ottobre

Borsa di oggi 12 ottobre

Borsa di oggi 12 ottobre: Milano in lieve flessione, quotazione azioni e btp.

In rialzo i titoli bancari, ancora segno meno per il comparto tecnologico dopo il crollo di ieri di Samsung.

Seduta tiepida per Piazza Affari e per i principali indici europei.

Le borse del Vecchio Continente risentono della volatilità di Wall Street che ha aperto in ribasso. L’indice Usa risente della situazione di incertezza legate alle elezioni presidenziali.

Cresce l’attesa per la pubblicazione dei verbali della Federal Reserve per comprendere se l’istituto centrale americano alzerà a fine anno il costo del denaro. I listini europei sono interessati da variazioni frazionali sostenute dai dati positivi dell’industria. Ad agosto la produzione industriale della zona euro ha segnato +1,6%.

In Italia questo dato ha registrato un + 1,7% rispetto a luglio e + 4,1% nei confronti di agosto 2015. Dati incoraggianti che spingono gli indici delle borse.

Ieri il Ministro dell’economia italiana Padoan ha annunciato una previsione di crescita dell’1% per il 2017 e 1,3% per il 2018. E’ attesa, quindi, una manovra per il 2017 di 24,5 miliardi.

Stamane sono iniziate le aste di metà mese per i titoli obbligazionari italiani. La borsa di oggi ha visto un nuovo minimo storico per il bot. Il rendimento a 12 mesi, infatti, è stato pari a – 0,238, al di sotto del precedente minimo segnato lo scorso agosto. Domani ci sarà l’asta per il Btp a medio e lungo periodo.

Di nuovo in caduta il prezzo del greggio nel giorno del mini vertice dei paesi Opec e non Opec per un potenziale accordo sulla riduzione dell’estrazione. Gli analisti sostengono che tale trattativa sia pretestuosa e che non ci sia alcuna intenzione di effettuare tagli alla produzione.

Performance lievemente negativa per il FTSE Mib a – 0,09%. Il Ftse Italia All Share perde lo 0,08%, mentre Star e Mid Cap perdono rispettivamente lo 0,07% e 0,03%.

L’euro è scivolato a quota 1,10 nei confronti del dollaro.

Borsa di oggi: Milano chiude a -0,09%, rialzo della sterlina e quotazioni titoli Mib30

Sul mercato della valuta rialzo della sterlina a 0,90 sull’euro, dopo le dichiarazioni di Theresa May. Il premier inglese ha accettato di far votare al Parlamento il suo piano di uscita dalla Ue. Dopo quattro sedute dove aveva registrato i minimi storici da oltre 30 anni, la moneta inglese riacquista fiducia e registra un rialzo.

Nonostante la seduta negativa della borsa di oggi 12 ottobre 2016 si registrano ottime performance per i titoli bancari. In rialzo Monte dei Paschi che chiude a + 0,87. Il ministro Padoan ha escluso un intervento statale ed una nazionalizzazione dell’istituto bancario nell’ottica del suo risanamento.

Forti rialzi per Banco Popolare e Popolare di Milano che chiudono rispettivamente con + 5,73% e 2,46% in vista dell’assemblea prevista sabato per la fusione. Buona performance anche per Banca Popolare dell’Emilia Romagna che segna un + 2,83 % e Unicredit che chiude a + 2,39%.

Il risultato migliore nella borsa di oggi tra i titoli bancari viene registrato da Ubi Banca.  L’istituto di credito ha riaperti il bond garantito con scadenza al 2023, collocando un importo supplementare di 250 milioni di euro. Il rendimento del bond è fissato in 6 punti base oltre il tasso mid swap. Chiude in negativo, invece, Fineco Bank a meno 0,17%.

Il nervosismo del comparto petrolifero a causa delle dichiarazioni di alcuni Paesi produttori e del rischio di una riduzione della produzione si riflette sui titoli del settore che presentano oscillazioni. Eni chiude con il segno meno a 0,67%. Meglio per Saras, società di raffinazione, che registra un + 0,67. Bene anche per Saipem del settore del gas naturale che segna un + 2,10% e Tenaris con + 2,10%.

Migliora anche Atlantis società che opera nel settore delle Infrastrutture dopo che nelle ultime settimane aveva chiuso al ribasso. Sale dello 0,05% dopo che Jp Morgan ha migliorato il giudizio sulla società portandolo da Neutrale ad Overweight.

Crollano i titoli del settore tecnologico nelle quotazioni della borsa di oggi

Trascinano i listini europei al ribasso il crollo dei titoli del comparto tecnologico. Dopo la disastrosa seduta di ieri di Samsung dopo l’annuncio del ritiro del Galaxy Note 7, anche la Ericsson ha lanciato l’allarme utili.

La dichiarazione del Ceo del colosso svedese di un calo del 14% degli utili rispetto allo scorso anno ha avuto conseguenze immediate nella Borsa svedese. Il titolo Ericsson ha perso il 16% del valore. La borsa di oggi ha segnato lo scivolone tra i titoli tech della Stmicroelectronics che segna un meno 2,68%.

Performance negativa anche per Mediaset che registra un meno 3,99%. La vicenda Premium incide negativamente sul titolo che si è attestato ai minimi dell’anno. Il mancato acquisto da parte di Vivendi, le voci di un riassetto della pay tv e di una cessione a Sky allarmano gli operatori di Borsa che hanno limitato gli acquisti. Nel frattempo le perdite di Premium hanno costretto Mediaset ad una ricapitalizzazione per 140 milioni, al fine di contenere le perdite e fornire alla società dei mezzi per proseguire l’attività.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy