• Google+
  • Commenta
10 ottobre 2016

Borsa italiana oggi 10 ottobre: Milano chiude + 1,38%, quotazioni azioni e titoli

Borsa italiana oggi 10 ottobre
Borsa italiana oggi 10 ottobre

Borsa italiana oggi 10 ottobre

Chiude a + 1,38% la borsa italiana oggi 10 ottobre: Milano positiva, quotazioni azioni e titoli.

Piazza Affari chiude oggi con il segno più. In rialzo tutti i listini europei.

Milano e le principali borse europee hanno visto una chiusura al di sopra del punto percentuale.

Bene Parigi e Francoforte, mentre Madrid si è stabilita poco al di sopra dell’1 %. Seduta positiva per i bancari e per i titoli del settore petrolifero.

A Piazza Affari si è registrato un forte rialzo della Banca Popolare e della Popolare di Milano. Monte Dei Paschi rimane pressoché fermo, mentre perde terreno Unicredit. Il rimbalzo del prezzo del petrolio sopra quota 51 dollari a barile ha fatto da traino ai titoli del settore petrolifero. Infatti, buona performance per Eni che ha chiuso a + 3,33%.

La borsa italiana oggi 10 ottobre a ha visto ancora in ribasso i titoli del comparto dei beni di lusso. Le stime degli analisti prevedono il terzo trimestre in netto calo sul fronte dei ricavi. Segno meno, quindi, per Ferragamo e Luxottica.

Il buon andamento di Wall Street di oggi ha dato fiducia ai mercati europei. Il Ftse Mib ha chiuso a +1,38% a quota 16.632 punti. Il Ftse Italia All Share ha, invece, terminato la seduta a + 1,25, mentre gli altri due indicatori Ftse Italia Mid Cap e Italia Star hanno chiuso rispettivamente a 0,3% e 0,45% .

Su 337 titoli trattati dalla borsa italiana oggi 10 ottobre, 213 hanno chiuso in positivo, 96 in negativo. Il cambio euro dollaro rimane a quota 1,115 mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 139 punti base. La sterlina si conferma ancora debole mentre gli altri due indicatori Ftse Italia Mid Cap e Italia Star hanno chiuso rispettivamente a 0,3% e 0,45%.

borsa italiana oggi 10 ottobre: Piazza Affari positiva, aggiornamento sulle quotazione azioni Mib 30

Giornata positiva per i titoli bancari, con alcuni cedimenti. Monte Dei Paschi chiude senza variazioni evidenti. Il titolo si è stabilizzato sullo +0,1704, dopo quanto emerso da alcune agenzia di stampa nel trascorso finesettimana. Sembra che Corrado Passera stia lavorando con il fondo statunitense Warbur Pincus per trovare un piano alternativo che prevede un aumento di capitale tra i 2 e 2,5 miliardi.

Tra i titoli bancari spicca Banco Popolare con un + 6,31% e Popolare di  Milano con un rialzo dello 5,95%. Tiepida la performance di Unicredit che registra solo uno + 0,19%. e di Intesa SanPaolo con lo +0,60%. Arretrano di oltre un punto percentuale rispetto ai giorni scorsi anche Ubi Banca ( + 1,72) e Bper ( + 3,58%). Chiude in negativo, invece, Fineco Bank con – 0,69%.

Il rimbalzo del prezzo del greggio che a New York è tornato sopra i 51 dollari, ha trascinato i titoli del comparto petrolifero. Eni ha chiuso con un rialzo del + 2,33% a 13, 6 euro, dopo che gli analisti di Barclays hanno stimato una riduzione dell’utile per il colosso petrolifero a seguito di una previsione di calo di crescita del settore oil europeo. Meglio Saipem che chiude a + 3,21%.

Segno meno registrato dalla borsa italiana oggi 10 ottobre per Salvatore Ferragamo e per l’intero comparto del lusso. Gli analisti di Goldman Sachs hanno stimano una riduzione degli utili per l’azienda fiorentina e per l’intero comparto. La banca d’affari stima un calo del 2% dei ricavi con un utile stimato per il 2016 intorno ai 265 milioni come per il 2015. La Goldman Sachs ha così tolto il titolo dall’elenco dei suoi preferiti, retrocedendo le azioni da “buy”( da acquistare) ad “hold” (neutrali).

Stesso giudizio su Luxottica da parte degli analisti di Mediobanca e Societe Generale. Il titolo non ha, però, subito il declassamento da buy a hold.

Buona performance di Atlantia: il titolo della borsa italiana in rimonta

Il titolo di Atlantia, società che si occupa di infrastrutture segna una rimonta del + 1,72% dopo che negli ultimi mesi aveva avuto una flessione del 5%. In una intervista su Il Messaggero l’amministratore delegato Giovanni Castellucci ha dichiarato di voler cedere il 15% di Autostrade per l’Italia. Ha, inoltre, aggiunto di guardare ad un investitore a lungo termine come i fondi pensione. L’operazione dovrebbe concludersi entro febbraio anche se dalle indiscrezioni circolate negli ultimi mesi si immaginava una cessione di una quota più consistente, almeno del 30%, e tempi più celeri.

Tra i titoli della borsa italiana cede terreno anche Unipol che chiude a + 1,65%. L’a.d. Carlo Cimbri ha dichiarato di star valutando una aggregazione per la controllata Unipol Banca per accorparla con un gruppo bancario più grande.

Snam, la società leader in Italia nel trasporto del gas naturale, ha chiuso con un rialzo del 0,91%. La società ha avviato una nuova emissione obbligazionaria a tasso fisso per il 2016 per l’ammontare di 1,25 miliardi. La società Bnp Paribas ha lanciato un’offerta d’acquisto su alcune obbligazione emesse da Snam per un importo di 2 miliardi.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy