• Google+
  • Commenta
4 giugno 2005

L’eterna stagione del “pinocchietto”

Dopo il boom dei pinocchietti estivi, ricompaiono, in inverno, i pantaloni fin sopra al ginocchio. Un capo d’abbigliamento consigliato alle sole donneDopo il boom dei pinocchietti estivi, ricompaiono, in inverno, i pantaloni fin sopra al ginocchio. Un capo d’abbigliamento consigliato alle sole donne (almeno d’inverno). Con la fine della stagione estiva i capri pants si ripongono nell’armadio e per non sentirne la mancanza le più importanti case di moda, italiane ed internazionali hanno disegnato modelli simili che differenziano dai “cugini estivi” solo nel colore. Saranno particolarissimi e piuttosto corti. Primi fra tutti quelli alla «zuava». Pantaloni che una volta si usavano in montagna: velluto a coste larghe e calzettoni rossi per le gite con tanto di piccozza. La moda, adesso, li vuole glamorous, in tweed, morbidi, come nuovo complemento di tailleur iperchic, con giacchina corta, magari con baschina arrotondata. Nuovi i pantaloni a «sbuffo», in tessuto lucido, a metà coscia, consigliati anche di sera… In alternativa a questi modellini, adatti non proprio a tutte, i pinocchietto in versione femminile: affusolati, sotto candide bluse con jabot. Presenti nelle tinte del nero, castagna, marrone, verde militare, colori classici per eccellenza, insigni rappresentanti della stagione invernale. E’ proprio con il freddo che tocca fare i conti. Meglio vestirsi caldi ed apparire demodé o essere alla moda e sofferenti?

Google+
© Riproduzione Riservata