• Google+
  • Commenta
9 agosto 2005

I fantastici 4

Quattro scienziati più il loro “mecenate” vengono travolti da una non identificata nube stellare che ne modifica il DNA e li trasforma in quattro “supQuattro scienziati più il loro “mecenate” vengono travolti da una non identificata nube stellare che ne modifica il DNA e li trasforma in quattro “supereroi” e un “supercattivo” che si combatteranno per circa due ore. Le virgolette sono d’obbligo perché supereroi non sono proprio quello che sembrano i quattro freak con tuta blu elettrico, protagonisti della pellicola di un prevedibile Tim Story, e supercattivo non è l’appellativo che si merita l’invidioso ed egocentrico dott. Destino, l’attore Julian McMahon, molto più efficace come chirurgo plastico in Nip&Tuck.
La torcia umana si accende per dare spettacolo in una rassegna di moto acrobatiche e per conquistare donne; il molleggiato Mr. Fantastic stira il suo viso per farsi la barba o allunga il braccio per prendere la carta igienica mentre si arrovella su come tornare normale; la bellissima Jessica Alba, super sensuale e perfetta in Sin City (un vero fumetto fatto cinema!), avrebbe evitato una figuraccia se, in questo film, fosse stata invisibile davvero; l’unico che un po’ si salva è La Cosa, almeno perché ha un minimo di spessore umano oltre che un colorito niente male!
Purtroppo è così. I fantastici 4 è una pellicola senza la profondità dei due Spiderman, senza la visionarietà dei primi due Batman, senza l’oscurità dell’ultimo pipistrello cinematografico. Resta una spettacolarità molto accattivante ma senza una base solida (che si chiama sceneggiatura originale) dove poggiare.
Niente da dire sul fumetto: pur non essendone appassionati, ci si rende conto dalla prima pagina sfogliata che è lontano anni luce dalla mediocrità del film. I quattro sulla carta rendono molto di più che sulla pellicola. E niente da dire sulla Marvel: ha creato dei personaggi che piacciono ad un sacco di lettori, è comunque un’azienda (essendo una casa editrice di fumetti) e quindi cerca sempre l’utile, il tornaconto, il soldo in cassa e, visto il successo di pubblico negli USA, ha indovinato anche stavolta. Ma viene quasi da pensare che voglia rovinare le sue creature, destinando loro la gogna del cinema senza significato (vedi anche Hulk e Daredevil)! Bravissimi tecnici degli effetti speciali non bastano per rendere una serie di immagini un film e, se non si ha sempre a portata di mano un Sam Raimi, si rischia (e spesso si ottiene) solo un disastro clamoroso. I fantastici 4 sono purtroppo il film più atteso della stagione autunnale e monopolizzeranno le sale impedendo, o come minimo riducendo, la programmazione di pellicole qualitativamente più interessanti.
Resta ancora da capire quanto sia arte un cinema del genere, tutto computer e niente anima.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy