• Google+
  • Commenta
27 settembre 2005

Sfuma il sogno della Serie A per l’Italia del Tennis

L’Italia esce a testa alta dal confronto con i fenomeni iberici, che hanno avuta filo da torcere in quel di Torre del Greco, nella tre giorni di CoppaL’Italia esce a testa alta dal confronto con i fenomeni iberici, che hanno avuta filo da torcere in quel di Torre del Greco, nella tre giorni di Coppa Davis dove gli azzurri si giocavano il ritorno in massima divisione.
Grande entusiasmo già da venerdì, quando la sconfitta di Bracciali (chiamato in extremis a sostituire Potito Storace stroncato dall’influenza) da parte di Nadal, è stata seguita dalla sorprendente e avvincente vittoria di Seppi su Ferrero, che ha rimontato un match ormai segnato dalla supremazia dello spagnolo, ma che l’altoatesino ha saputo conquistare grazie anche all’inesauribile e fragoroso supporto dell’infuocato catino torrese del Centro Oplonti.
Sabato è stato il grande giorno di uno storico doppio, durato poco più di cinque ore e combattuto fino all’ultima goccia di sudore dagli azzurri Galimberti e Bracciali e il duo spagnolo Lopez – Nadal. Un’Italia stoica, che ha messo sotto gli extraterrestri della penisola iberica per tre set a due, con tanto di pieno di emozioni e scambi repentini di battute e schiacciate, per la gioia del coloratissimo pubblico presente.
Sulle ali dell’entusiasmo, domenica si parte in mattinata con il primo match-point per l’Italtennis che tenta l’impossibile per guadagnare il punto del ritorno in serie A con il nostro sorprendente e carico Seppi. Il sogno dura quattro set, il giovane Nadal piega il bolzanino apparentemente senza difficoltà, e qui le speranze sembrano svanire del tutto, soprattutto poi quando inizia il match decisivo tra Ferrero e Bracciali, con il nostro tennista totalmente fuori uso per problemi fisici che vengono fuori dopo appena un set. Il massacro del numero due al mondo – soprannominato dal pubblico di Torre “braccio di ferro” – ai danni di Bracciali si chiude in tre soli set, ribaltando il risultato e ponendo fine ai sogni di questo magico weekend campano, che nonostante tutto sarà ricordato molto bene in vista della prossima opportunità per gli azzurri, che nella città del corallo sembra abbiano ritrovato la grinta giusta, anche senza pesanti presenze come Filippo Volandri, in rotta con la FederTennis.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy