• Google+
  • Commenta
10 novembre 2005

Jesus Juice, il vino di Dio

Il dubbio gusto di due americani. Si tratta di Bruce Rheins e di Dawn Westlake: i due hanno depositato la richiesta di brevettare il nome “Jesus JuiceIl dubbio gusto di due americani. Si tratta di Bruce Rheins e di Dawn Westlake: i due hanno depositato la richiesta di brevettare il nome “Jesus Juice” come dicitura per una bottiglia di vino. Il “succo di Dio” da apporre sulle verdi bottiglie di un merlot, probabilmente californiano.
La richiesta della registrazione risale al gennaio scorso ma la cosa è diventata di dominio pubblico solo di recente, quando la commissione su marchi e loghi ha ricevuto l’incartamento. Nel dossier figura anche il marchio, nemmeno troppo vagamente ispirato a Michael Jackson. Si vede infatti la fotografia di un uomo semi-nudo, con il cappello identico a quello dell’ex Jacksons Five, un guanto sulla mano sinistra e l’altra in una posa ben riconoscibile. Si ritiene che l’idea del nome è venuta fuori dal processo che ha visto coinvolto Jackson per molestie sessuali su minori, quando Michael dichiarò di aver servito ai bambini del “jesus Juice” nel suo ranch di Navarland. Certo è che gli americani non hanno limiti quando si tratta di fare soldi, speriamo solo che il vino non si trasformi in acqua.

Google+
© Riproduzione Riservata