• Google+
  • Commenta
16 novembre 2005

Rugby: esordio col botto dell’Italia nei Jaguar Test Match

Un Italia sorprendente, che ha corso, ha lottato, che ha divertito e soprattutto che ha segnato per tutti gli 80 minuti di gioco: questa è la nuova naUn Italia sorprendente, che ha corso, ha lottato, che ha divertito e soprattutto che ha segnato per tutti gli 80 minuti di gioco: questa è la nuova nazionale di Pierre Berbizier, allenatore francese che ha l’arduo compito di concretizzare le notevoli potenzialità della formazione azzurra nei prossimi anni dove la partecipazione al “Sei nazioni ‘07” e le qualificazioni ai mondiali di Francia ’07, sono gli obiettivi primari.
Primo avversario dei consueti test match novembrini è stata la formazione delle Isole Tonga, squadra che il team italiano superò con non poche difficoltà negli ultimi campionati del mondo. Decisione e concretezza, ma soprattutto semplicità e concentrazione sono le chiavi del nuovo gioco della compagine guidata da capitan Bortolami, il primo ad aprire le marcature dopo soli 5 minuti di gioco. Passano solo altri tre minuti e lo stadio Lungobisenzio di Prato esplode nuovamente per la seconda meta del capitano. Il gioco è frizzante e veloce, ma la formazione del sud Pacifico sembra non essere all’altezza delle aspettative perché la formazione di casa continua a colpire su tutti i fronti e al 22esimo minuto è il turno di Mirco Bergamasco, che con una gran galoppata di oltre venti metri resiste a due tentativi di placcaggio degli avversari e si tuffa in meta. Il mediano Pez trasforma il terzo piazzato su tre e manda tutti negli spogliatoi sul parziale netto di 21-0.
Le Aquile del Pacifico tentano una reazione, ma il loro atteggiamento difensivo troppo aggressivo e soprattutto scorretto viene punito dall’arbitro australiano Goddard con un piazzato trasformato da Pez prima, e con l’ammonizione ad Hufanga poi. Nel frattempo il bravo e veloce centro Canale, schiaccia l’ovale in meta sfruttando un errore grave di un Tongano, che non annulla l’azione dopo un lancio proprio dell’apertura Pez. Con la vittoria ormai acquisita, l’Italia inizia le dovute sostituzioni, ma c’è spazio anche per le prime due mete di Sole, giovane napoletano nato in Nuova Zelanda. Sul finire grandi applausi alla meritatissima seconda meta di Mirco Bergamasco che sigilla il punteggio sul 48-0.
Una bellissima Italia quindi, che però soltanto sabato prossimo in quel di Genova affronterà un avversario davvero ostico, quale è la formazione dell’Argentina.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy