• Google+
  • Commenta
4 novembre 2005

Teatro Contatto 2005-2006: a Udine una stagione nutriente!

“Cibo nutriente”, è questo il tema della nuova Stagione Teatrale del Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia, in scena ad Udine. Te

“Cibo nutriente”, è questo il tema della nuova Stagione Teatrale del Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia, in scena ad Udine. Teatro come nutrimento per la mente, come tonico per lo spirito, in questo nuovo millennio, così pregno di esigenze e di realtà spesso distorte o sottaciute dai media “convenzionali”, e che oggi pretendono spazio e considerazione. Il folto programma di spettacoli, vuole dare sfogo a queste esigenze di conoscenza, proponendo pietanze sempre nuove agli avventori di giornata. Ogni spettacolo è un viaggio alla scoperta di nuovi sapori, nuove ricette di vita che nascono, proliferano e scompaiono nella frenesia del quotidiano, senza la possibilità d’essere apprezzate e valutate. La ricerca di un pensiero alto, che cementi la consapevolezza di ciò che accade nel nostro presente, è l’obiettivo dell’intero programma teatrale. Ci viene fornito un altro punto di vista nella speranza che germogli in noi un’opinione, un’idea, una convinzione su quello che accade e che sorregge, a stento, le nostre vite. E la globalizzazione? Siamo solo automi di un sistema? Una canzone recita: “Fedeli alla linea! La linea non c’è…”. La vita nasce e muore; allora partiamo dagli estremi e cerchiamo un nostro, personale, centro di gravità. Alziamo il capo e guardiamoci intorno: il deserto è alle porte mentre molti di noi vivono, nell’ignoranza, una vita pre-confezionata che di reale ha solo la data di scadenza. Nel calderone mediatico è difficile riconoscere gli ingredienti ma è necessario farlo, prima che il tutto si fondi in un unico pensiero. Contro il qualunquismo dilagante, opponiamo una vita consapevole, dotiamoci di una nostra visuale del mondo, giudichiamolo per come ci appare ricordando che nelle differenze c’è prosperità per la vita del genere umano. “Teatro Contatto” muove da alcune di queste considerazioni, e lo fa attraverso il tema intitolato “I buoni e i cattivi” che ispira l’intero percorso delle rappresentazioni. Si vogliono ricercare delle categorie di giudizio che individuino alcune differenze tra le cose, nelle affermazioni e nelle azioni delle persone, nel tentativo di superare l’appiattimento dei valori, simbolo dell’ultimo decennio. Primo spettacolo il 20 Novembre con “Migliore” di Mattia Torre, con Valerio Mastrandrea. Per noi studenti prezzi agevolati per i singoli spettacoli e per i vari pacchetti offerti. Buon Appetito.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy