• Google+
  • Commenta
28 dicembre 2005

Ma lo sanno che è Natale?

Per la maggior parte dei calciatori il Natale è una possiilità per ritagliarsi uno spazio di relax nella difficile stagione professionistica. Unica ecPer la maggior parte dei calciatori il Natale è una possiilità per ritagliarsi uno spazio di relax nella difficile stagione professionistica. Unica eccezione è la Gran Bretagna, dove il calcio non si ferma a Natale ma, anzi, intensifica gli appuntamenti.

Calendario fitto
Il giorno di Santo Stefano (Boxing Day per gli inglesi) è probabilmente la data più importante nel calendario calcistico del regno Unito. Quest’anno, come al solito, i club saranno impegnati quattro volte in una settimana. Il fatto che le squadre giochino oggi, mercoled e sabato, senza cambi di data a fini televisivi, è la dimostrazione di quanto sia radicata questa tradizione e quanto il sistema del calcio inglese sia preparato a questa congestione del calendario.

Cos’è il Boxing Day?
Il 26 dicembre è ormai diventato ufficialmente Boxing Day (Giorno delle Scatole) anche se nel mondo anglosassone, tradizionalmente questa ricorrenza veniva festeggiata il primo giorno feriale dopo Natale che, quindi, diventava festivo. Il nome nasce da un’abitudine del XIX secolo in cui i datori di lavoro facevano dei regali ai loro dipendenti, le cosiddette scatole di Natale. Non è chiaro il perchè di questa tradizione per cui in questo giorno si praticano tutti gli sport. La stessa regola vale, infatti, anche per il rugby. E’ possible che tragga le sue origini dalle numerose e popolari partite di calcio che venivano giocate nei nei vari paesi in quella data prima che le regole moderne di questo sport fossero codificate. Nel primo campionato ufficiale della stagione 1888/89 vi erano due appuntamenti per il Boxing Day e ormai questa ricorrenza sarebbe impensabile senza sport. La tradizione è radicata a tal punto che se la pausa invernale dovesse essere introdotta anche sulle isole britanniche, sarebbe a gennaio e non a dicembre.

Doppia sfida a Natale
Questo non vuol dire che le cose non si siano evolute. Una volta si giocava il 25 ed il 26 dicembre con gare di andata e ritorno tra gli stessi club fino a quando, nel 1957, i lavoratori del settore dei trasporti non hanno protestato perchè costretti a lavorare anche a Natale. L’ultima partita giocatasi il giorno di Natale nel campionato inglese si è giocata nel 1959. Più di recente la polizia ha fatto in modo che le gare del Boxing Day non siano per forza dei derby, anche se in ambito dilettantistico tale tradizione permane. Una gara tra i vicini del Wealdstone FC e del Harrow Borough FC non vorrà dire nulla ai più, ma per club di quel livello la sfida genera molto denaro in occasione del Natale. In Irlanda del Nord il derby di Belfast tra i “due giganti nazionali” del Glentoran FC e del Linfield FC è un appuntamento imperdibile.

Abitudine difficile da digerire per gli stranieri
Ovviamente queste gare disputate durante le feste sono un’eresia per coloro che credono nella necessità di una pausa, soprattutto visto che quesi poveretti si allenano anche il giorno di Natale. “Capisco che il Boxing Day è importante per la cultura calcistica del vostro paese – ha dichiarato José Mourinho l’anno scorso -. Ma giocare anche il 28 mi sembra troppo. Visto che ci sono tanti giocatori che si infortunano in tutto il paese bisognerebbe fermarci a riflettere”. Nel Boxing Day del 1999 il Chelsea FC diventata la prima squadra inglese a schierare in campionato una squadra composta interamente da giocatori non britannici, in occasione della trasferta in casa del Southampton FC. I calciatori locali, però, sono più abituati al calcio natalizio. Lee Dixon dell’ Arsenal FC a fine carriera ha dichiarato: “A me non dà fastidio, per me è la norma da 14 anni, ma può essere dura quando sai che la tua famiglia è seduta davanti alla TV con i regali appena scartati”.

Gol a caterve
Qualsiasi cosa succeda in Premiership oggi, sarà difficile eguagliare quanto successo il 26 dicembre del 1963. Le dieci partite del massimo campionato inglese in quell’occasione offrirono un bottino di 66 gol. Il Fulham FC sconfisse l’Ipswich Town FC 10-1, ancora un record per il club. Comunque due giorni dopo l’Ipswich battè il Fulham 4-2, restituendogli la pariglia. Anche con l’atmosfera unica del Boxing Day è difficile che questa nevicata di gol si ripeta.

Google+
© Riproduzione Riservata