• Google+
  • Commenta
7 dicembre 2005

Unisa: il Vil Sacro Catino di Genova

Rebecca Müller dell’Università di Francoforte sul Meno tratterà di una reliquia legata alla figura di Cristo, il Sacro Catino dell’Ultima Cena conservRebecca Müller dell’Università di Francoforte sul Meno tratterà di una reliquia legata alla figura di Cristo, il Sacro Catino dell’Ultima Cena conservato presso la cattedrale di Genova. Tra gli oggetti “viaggianti” nel Medioevo, il „Sacro Catino“, conservato nel Tesoro di S. Lorenzo a Genova, è certamente uno dei meglio documentati, ma nello stesso tempo anche uno dei più misteriosi. Studi recenti hanno fornito una ampia raccolta delle fonti che dimostrano che questa grande scodella di vetro verde sin dalla fine del dodicesimo secolo ha suscitato l’interesse non solo dei viaggiatori, ma anche degli storici, degli artisti e – in tempi moderni – degli studiosi di scienze naturali. Sembra però che sia stato sottovalutato il fatto che questo oggetto, creduto di smeraldo e quindi preziosissimo, prima era un bottino di guerra e in quanto tale fu presentato dai Genovesi “quasi pro miraculo” (Guglielmo di Tiro). Solo nella seconda metà del Duecento, sopratutto da Jacopo da Varagine, sarà rivendicato come il piatto usato da Gesù Cristo durante l’Ultima Cena. La relazione qui proposta vuole indagare la ricezione del “Sacro Catino” tra bottino di guerra e reliquia, e con questo anche il “divenire” di una reliquia e le strategie di affermazione. Sarà attribuita importanza anche ai confronti con oggetti tesaurizzati in altri città per precisare e meglio valutare il significato di questo oggetto affascinante.
Mercoledì 7 dicembre – h. 18.30
Il presente ciclo di conferenze costituirà titolo di credito formativo per gli studenti del C.d.L.: Lettere e Scienze dei Beni Culturali

Google+
© Riproduzione Riservata