• Google+
  • Commenta
24 febbraio 2006

Basket: il trionfo di Napoli in Coppa Italia

A distanza di quasi una settimana dalla conquista della Coppa Italia, non si è ancora spento l’eco della notorietà sulla Carpisa Napoli. Prima, l

A distanza di quasi una settimana dalla conquista della Coppa Italia, non si è ancora spento l’eco della notorietà sulla Carpisa Napoli. Prima, l’abbraccio dei 3500 tifosi in attesa del rientro della squadra fuori al Palabarbuto poi, le ospitate nelle varie emittenti televisive locali e infine, nel pomeriggio di ieri, il ricevimento in pompa magna con il Sindaco Iervolino a Palazzo San Giacomo. Ma tutto questo è stato solo un antipasto poiché, l’emozione più grande, sarà quando Sabato, nel corso dell’anticipo televisivo della quarta giornata del girone di ritorno, Sesay e compagni potranno sfilare con la Coppa alzata al cielo sul proprio parquet davanti al proprio pubblico.
La vittoria di Forlì è stata la vittoria di tutto il sud. Dopo la Fides Napoli nel lontano 1968 e la Juve Caserta nel 1988, il trofeo della coccarda tricolore ritorna finalmente in Campania. Nel complesso, la quattro giorni del Palafiera è stata una final eight ricca di emozioni e di grandi giocate. Tutte e otto le compagini presenti all’evento non si sono mai risparmiate, dando sempre il meglio di loro nei vari incontri che si sono susseguiti sul campo di gioco.
Napoli ha vinto una gara condotta tatticamente ai ritmi e alla durezza degli avversari. Lynn Greer, autentico dominatore di tutte le statistiche del campionato, ha perso il duello con l’ex compagno di tante battaglie al college David Hawkins, votato poi miglior giocatore del torneo. Ma quel conta, come ripete sempre il “mentore” Bucchi, è la forza del collettivo che porta ad ottenere una vittoria e non la giocata di un singolo. > si cantava al termine dell’incontro, mentre capitan Morena piangeva lacrime di gioia ed il Presidente Maione non sapeva più chi a chi dover mandar baci. E’ stata una giornata storica, di quelle che non si dimenticheranno facilmente ma che siamo certi, si ripeterà ben presto.

Google+
© Riproduzione Riservata