• Google+
  • Commenta
8 marzo 2006

La guerra dei prezzi

Eh l’America l’America. Lontana e affascinante. Molto diversa da noi. Troppo avanti.
Il ministro americano della giustizia ha aperto un’inchiesta sulEh l’America l’America. Lontana e affascinante. Molto diversa da noi. Troppo avanti.
Il ministro americano della giustizia ha aperto un’inchiesta sulla possibile esistenza di un cartello dell’industria musicale discografica su internet. “Potrebbero esserci state delle pratiche anticoncorrenziali nella musica scaricabile dalla rete”, è stata questa la risposta della divisione antitrust che, intanto, continua nel suo lavoro. Per il momento però nessun nome, tutto tace su il chi ma tra i primi nomi ipotizzati dagli esperti del settore figurano l’americana Apple insieme alle altre quattro majors della discografia. In Italia invece si continua a fare ispezioni nelle case degli italiani con la speranza di trovare qualche cd falso o qualche programma taroccato. Diversi in sintesi i soggetti tutelati. Oltre oceano i navigatori della rete, i cittadini. In Italia le industrie discografiche e lo strapotere del copyright.

Google+
© Riproduzione Riservata