• Google+
  • Commenta
6 marzo 2006

Parigi città del cinema

L’esposizione gratuita sul cinema parigino, intitolata “Parigi al cinema”, ha aperto le porte al pubblico il 2 marzo, presso il Municipio parigino, e L’esposizione gratuita sul cinema parigino, intitolata “Parigi al cinema”, ha aperto le porte al pubblico il 2 marzo, presso il Municipio parigino, e durerà fino al 30 giugno. Consacrando Parigi ville lumière come una delle più importanti sedi dei set del cinema francese, la mostra, presieduta dal presidente d’onore Alain Delon, ripercorre la storia del cinema, dal lontano 1895, anno in cui i fratelli Lumière cominciarono a girare il loro primo film, fino ai giorni nostri. Il percorso che viene offerto al visitatore comprende sei gallerie che ricreano l’atmosfera del periodo attraverso estratti di film, documenti inediti, immagini e locandine, e che sono così suddivise: Parigi anni zero: la nascita del cinema, Parigi delle avanguardie: il grande periodo del cinema muto, Parigi studio cinematografico: dagli anni trenta agli anni cinquanta, Parigi–Hollywood, Parigi al naturale: sulla Novelle Vague, e Parigi à la carte nel cinema contemporaneo.
Il vitale contributo che questa città dà al cinema francese è noto, oggi, grazie alla Missione cinema, un progetto portato avanti dal Comune che comprende una serie di azioni volte alla promozione della conoscenza della settima arte: contributi ai cinema indipendenti per un piano finanziario di 410.000 euro; contributi al Forum delle immagini, istituto che comprende più di 1.800 proiezioni in un anno, ammontanti a 8.512.000 euro; una serie di programmi per avvicinare i giovani parigini al cinema in modo che esso sia strumento integrante della loro istruzione; facilitazione dell’espletamento delle pratiche burocratiche per tutti i cineasti che scelgono Parigi come set del proprio film; promozione, durante tutto l’anno, di eventi a favore del cinema, come festival, retrospettive, e incontri con i professionisti, nonché applicazione di riduzioni sul biglietto per i meno benestanti.

Google+
© Riproduzione Riservata