• Google+
  • Commenta
20 aprile 2006

3+2 anche per gli aspiranti maestri

D’ora in poi, anche chi vorrà diventare maestro dovrà seguire un corso universitario di cinque anni. Questa, la decisione presa dal ConsD’ora in poi, anche chi vorrà diventare maestro dovrà seguire un corso universitario di cinque anni. Questa, la decisione presa dal Consiglio Universitario Nazionale (Cun), in riferimento alla proposta di dare vita a nuove classi di laurea per gli insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria.
Queste nuove lauree magistrali rappresentano, in tutto e per tutto, un’omogeneizzazione dei corsi universitari quadriennali in “Scienze della formazione” col resto dei percorsi di laurea, articolati, come ben si sa, in tre anni di base e due specialistici. Malgrado gli evidenti cambiamenti, sarà tuttavia mantenuto il curriculum integrato (insegnamenti scientifico-disciplinari, pedagogici, metodologici-didattici, psicologici, socio-antropologici, filosofici, giuidici, laboratori e tirocinio), caratteristico del precedente ordinamento. Durante il percorso formativo dei cinque anni, lo studente verrà inoltre sensibilizzato ai problemi riguardanti l’integrazione scolastica degli alunni disabili.
L’iscrizione ai corsi di laurea triennale e a quelli di laurea magistrale sarà possibile, infine, solo attraverso il superamento di una prova d’accesso.

Google+
© Riproduzione Riservata