• Google+
  • Commenta
24 aprile 2006

Unimore: seminario Mergler

L’esposizione professionale a sostanze neurotossiche, quali solventi e metalli tossici, possano causare una progressiva perdita della funzione sensoriL’esposizione professionale a sostanze neurotossiche, quali solventi e metalli tossici, possano causare una progressiva perdita della funzione sensoriale, ed in particolare quella visiva, uditiva ed olfattiva. L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia propone venerdì 21 aprile un seminario su questo argomento di interesse mondiale che vede colpite non solo la nostra realtà ma anche la popolazione dell’Amazzonia tra la più esposte all’inquinamento da mercurio. Relatrice dell’incontro la prof.ssa Donna Mergler.

Sono un centinaio i lavoratori esposti a sostanze neurotossiche quali mercurio e solventi che sono stati studiati dal Dipartimento Scienze di Sanità Pubblica nella provincia di Modena e Reggio Emilia. Dati preoccupanti che hanno spinto l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia ad organizzare un seminario su “Funzioni visive ed espositive a mercurio: cosa abbiamo imparato dal caso Amazzonia”.

L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia confronta le sue ricerche guardando anche oltre Oceano ed assieme al Centro di Ricerche Interdisciplinare dell’Università del Quebec di Montreal pone la sua attenzione alle popolazioni dell’Amazzonia brasiliana intossicate da un potente metallo pesate: il mercurio.

Negli ultimi 10 anni il gruppo interdisciplinare americano, composto da ricercatori canadesi e brasiliani, ha lavorato nell’Amazzonia brasiliana dove esiste un importante inquinamento da mercurio, legato alla diffusa deforestazione e conseguente erosione del terreno, che hanno causato il rilascio di mercurio nelle acque fluviali, con conseguente incorporazione del metallo, nella catena trofica, e contaminazione dei pesci, sostegno alimentare della popolazione locale.

Uno studio condotto dalla prof.ssa Donna Mergler, del Centro di Ricerche Interdisciplinare dell’Università del Quebec di Montreal, sulla popolazione dell’Amazzonia brasiliana ha evidenziato che l’esposizione al mercurio nella popolazione aumenta con il consumo di pesce ed è più alta tra coloro che mangiano preferibilmente pesce che si nutre di altri pesci .

Gli effetti nocivi di questo metallo pesante agiscono sia sulla funzione motoria che su quella visiva all’aumentare dell’esposizione a mercurio. Sulla base di questi risultati la popolazione indigena ha adottato uno slogan positivo che invita la gente a “Mangiare più pesce che non mangia altro pesce”. Un ricontrollo del consumo di pesce e dell’esposizione, condotto cinque anni più tardi, ha dimostrato che l’esposizione della popolazione locale al mercurio si è ridotta del 40% con un miglioramento nelle funzioni motorie, mentre quelle visive continuano a ridursi in funzione dei livelli d’esposizione precedenti.

Il rischio di contaminazione non solo si è verifica attraverso la catena alimentare ma, come hanno dimostrato gli studi condotti dal prof. Fabriziomaria Gobba, della Cattedra di Medicina del Lavoro del Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica dell’Ateneo, si è visto che, anche nell’ambito occupazionale, i lavoratori possono essere colpiti da una esposizione professionale da mercurio.

“Esiste ormai – afferma il prof. Fabriziomaria Gobba della Cattedra di Medicina del Lavoro del Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia-
un numero crescente di osservazioni che suggeriscono che esposizioni a varie sostanze neurotossiche, quali solventi e metalli tossici, possano causare una progressiva perdita della funzione sensoriale, in particolare quella visiva, oltre a quella uditiva ed olfattiva. I risultati presentati dalla prof. Donna Mergler confortano precedenti osservazioni ottenute dal nostro gruppo in lavoratori esposti a mercurio e a solventi che dimostrano che esposizioni sia lavorative che ambientali, anche relativamente basse, possono causare effetti avversi, precedentemente ignorati, sulla funzione visiva.”

A questi aspetti venerdì 21 aprile 2006 alle ore 11.00 presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia (ex caserma Zucchi Via Allegri 9) a Reggio Emilia si terrà un seminario, presieduto dal prof. Fabriziomaria Gobba dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, che vedrà salire in cattedra la prof.ssa Donna Mergler dell’Università di Quebec di Montreal.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy