• Google+
  • Commenta
17 maggio 2006

Cassino: prospettive dello sviluppo delle relazioni umane

L’ASFOR, Associazione per lo Sviluppo della Formazione di Cassino, il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università di Cassino e il Liceo “ML’ASFOR, Associazione per lo Sviluppo della Formazione di Cassino, il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università di Cassino e il Liceo “M.T. Varrone” di Cassino, sono stati organizzatori del convegno dal titolo “Management e gestione delle risorse umane nell’industria automobilistica”, tenutosi questa mattina. Il tema del convegno ha posto l’accento sulle prospettive dello sviluppo delle relazioni umane all’interno delle aziende di produzione.

Dopo la presentazione degli ospiti, il prof. Battisti ha portato i saluti del Direttore del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali, prof.ssa Rosella Tomassoni, e letto un messaggio inviato ai partecipanti nel quale si sottolineava l’importanza delle sinergie createsi per l’evento, affermando tra l’altro: “L’immagine di un’Università rinchiusa in una monade quale tempio della scienza è ben lontana dalla mia mentalità aperta a tutte le esperienze di collaborazione con colleghi docenti appartenenti ad altre realtà ben note. L’osmosi tra i vari livelli culturali e di docenza è la via da seguire per il miglioramento di quella Paideia che ci accomuna in un unico sforzo di dare una preparazione migliore e più aperta a un colloquio interdisciplinare che sia arricchimento e formazione di personalità veramente autonome”.
Il prof. Francesco Maria Battisti nel suo intervento ha tracciato il percorso sociologico che da sempre ha legato l’uomo all’automobile, sottolineando il connubio industria automobilistica – scienze umane e analizzando le implicazioni psicologiche, sociologiche, estetiche legate all’industria e all’utilizzo dell’autovettura da parte di tutti noi, nonché agli studi neuroscientifici e ergonomici che hanno portato all’installazione sulle autovetture di tutta una serie di optional di grande impatto tecnologico.
L’intervento del prof. Franz Götz ha messo in luce tutte le contraddizioni del settore automobilistico in Germania ed in particolare quello legato al gruppo Volkswagen AUDI. Infatti il gruppo tedesco, leader indiscusso del segmento medio alto delle autovetture sta evidenziando una grande crisi occupazionale legata alla delocalizzazione delle imprese nei paesi dell’est europeo dove il costo del lavoro è nettamente inferiore rispetto a quelle localizzate in Europa. Una importante fabbrica in Belgio sta per essere chiusa e la fabbrica sita in Spagna della Seat, società del gruppo, produce a costi superiori del 25% delle altre. L’impatto sul mercato del lavoro è tremendo, ma si sta correndo ai ripari, introducendo nella politica del management aziendale la nuova “scienza del lavoro”, disciplina universitaria, che pone al centro dell’attività non la tecnologia, ma l’uomo. Il modello di manager del futuro è quella di far vivere l’azienda come luogo partecipativo in cui ognuno trovi la propria dimensione di uomo e di lavoratore.
E’ stata quindi la volta del prof. Giorgio Figliolini, che ha affascinato tutta la numerosa e attenta platea attraverso la proiezione di filmati e slides legati al rapporto di ricerca instauratosi tra la Facoltà di Ingegneria di Cassino e il gruppo Fiat sia sulle esperienze del Master dell’automobile recentemente conclusosi, sia nella presentazione del “Distretto dell’Auto”, esperienza in via di realizzazione, sia sui Sistemi Automatici e Robotizzati nell’industria automobilistica. Di seguito l’intervento si è sviluppato sulla descrizione del processo legato al prodotto auto e all’esperienza della robotizzazione nelle varie fasi di processo; in conclusione la relazione ha trattato degli studi della robotica per la creazione, già in stato avanzato in Giappone, di robot sempre più simili all’uomo ad uso domestico. Le conclusioni sono state sintetizzate dalla prof.ssa Filomena Rossi, Dirigente Scolastico del Liceo Varrone, che ha tracciato un percorso sull’importanza delle relazioni tra le varie culture, scientifiche ed umanistiche, appannaggio delle nuove generazioni che si affacciano sul mondo del lavoro.

Google+
© Riproduzione Riservata