• Google+
  • Commenta
16 ottobre 2006

Il mondo del rischio si raduna a Pisa e si apre all´Europa

Tra i partecipanti anche i vigili del fuoco di Londra, che parleranno dell´esperienza degli attacchi terroristici nella capitale inglese del Tra i partecipanti anche i vigili del fuoco di Londra, che parleranno dell´esperienza degli attacchi terroristici nella capitale inglese del luglio 2005 Da martedì 17 a giovedì 19 ottobre al Palazzo dei Congressi di Pisa si svolgerà il Convegno sulla Valutazione e Gestione del Rischio negli Insediamenti Civili ed Industriali (VGR2006). Si tratta ormai della quinta edizione della manifestazione iniziata nel 1998 per volontà del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dell´Università di Pisa. Nel corso degli anni la manifestazione si è imposta in campo nazionale rappresentando, ad oggi, la più importante manifestazione del settore, che coinvolge enti di primaria importanza quali l´Agenzia per la protezione dell´ambiente e per i servizi tecnici (APAT), il Consiglio nazionale ingegneri, il ministero dell’Ambiente, la Tutela del territorio e del mare, l´Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro – ISPESL, il ministero delle Infrastrutture, l´Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (ARPAT). In questa edizione saranno presentate circa 130 memorie e la giornata finale sarà l´occasione per discutere, assieme agli esperti europei del settore, dell´avanzamento degli studi legati alla valutazione e gestione dei rischi. Il 19 sono infatti previsti interventi qualificati e una tavola rotonda che affronteranno il tema degli "Insegnamenti nel campo della valutazione e gestione del rischio". Tra i relatori ci saranno l´inglese Dobson, del comando dei vigili del fuoco di Londra, che racconterà l´esperienza e gli insegnamenti relativi all´attacco terroristico a Londra del 7 Luglio 2005; il francese Dechy , che illustrerà la tremenda esplosione a Tolosa nel 2001, e l´olandese Vergeer che illustrerà le tematiche della comunicazione del rischio. Il successo della manifestazione è anticipato dal grande numero di pre-iscrizioni, che hanno toccato la quota di 500, per lo più per ricercatori e docenti universitari, professionisti, analisti di rischio, addetti alla sicurezza, organi di controllo e pianificazione appartenenti a ministeri, Asl, agenzie regionali e nazionali, Protezione ambientale, servizi di prevenzione e sicurezza dell´industria, uffici ambiente e urbanistici di Comuni, Province, Regioni, ufficio protezione civile di Comuni, Province, Prefetture e Regioni, Comandi provinciali, Direzioni regionali, Uffici centrali dei vigili del fuoco, oltre a un qualificato numero di operatori delle industrie interessate.

Google+
© Riproduzione Riservata