• Google+
  • Commenta
17 ottobre 2006

Inghilterra: prof come spie antiterrorismo

Secondo quanto ha rivelato il quotidiano The Guardian, il Ministero dell’Istruzione britannico vorrebbe che i professori universitari ed il per Secondo quanto ha rivelato il quotidiano The Guardian, il Ministero dell’Istruzione britannico vorrebbe che i professori universitari ed il personale non docente collaborassero con le autorità competenti monitorando gli studenti “d’aspetto asiatico” sospettati di fomentare il terrorismo e l’estremismo islamico. Da qualche mese è infatti stato inviato a tutti gli Atenei un documento in cui si è cercato di spiegare come le Università costituiscono per i terroristi “un terreno fertile per il reclutamento” e “un’opportunità a soggetti con ideologie radicali di formare nuove relazioni ed espandere quelle già esistenti”. Il Governo laburista ritiene che quest’opera di spionaggio sia oggi più che mai necessaria visto il crescente carattere politico che numerose associazioni islamiche hanno assunto all’interno degli Atenei. Il progetto proposto dal Ministero, tanto originale quanto discusso, è infatti studiato per ribaltare la normale prassi investigativa, portando ad una partecipazione alle indagini diretta e spontanea da parte dei docenti ed impiegati nelle Università. Logicamente alle perplessità nate in seno al mondo accademico si sono accompagnate le proteste delle comunità musulmane britanniche, preoccupate che gli studenti musulmani possano essere considerati, d’ora in avanti, colpevoli fino a che non provati innocenti. Wakkas Khan, Presidente dell’Associazione degli Studenti Musulmani ha dichiarato: “Credo possa figurare come la più grande violazione dei diritti degli studenti musulmani che sia mai avvenuta in questo paese. Colpisce chiaramente gli alunni musulmani e insinua il sospetto su di loro”. E le polemiche si sono scatenate anche in un momento particolarmente delicato: proprio nelle scorse settimane si è infatti intensificato il dibattito sul velo islamico, mentre il Ministero dell’Istruzione sta cercando di spingere le scuole musulmane ad accettare allievi di altre fedi. "Vogliono trattare con sospetto tutti i musulmani unicamente sulla base della loro religione” – ha detto Gemma Tumelty, Presidentessa del sindacato nazionale degli studenti. Ed ha aggiunto: “Ricorda il maccartismo".

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy