• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2006

Convenzione tra Lettere e filosofia di Pisa e l´Accademia delle Belle Arti di Firenze

Mercoledì 13 dicembre, nella Sala “Galileo Galilei” di Palazzo alla Giornata, è stata
firmata una convenzione tra la facoltà di Lettere e filosofiMercoledì 13 dicembre, nella Sala “Galileo Galilei” di Palazzo alla Giornata, è stata
firmata una convenzione tra la facoltà di Lettere e filosofia dell´Università di Pisa e
l´Accademia delle Belle Arti di Firenze.

La convenzione, della durata triennale, ha l´obbiettivo di integrare le offerte
formative delle due istituzioni, in relazione alle finalità di ciascuna di esse, e di
instaurare rapporti di collaborazione nell´ambito delle attività previste dalla legge
numero 509/99, relativa alla riforma degli studi universitari, e dalla legge numero
508/99, relativa alla riforma delle Accademie delle Belle Arti. Per il raggiungimento di
tali scopi le due istituzioni mettono a reciproca disposizione docenti, strutture e
materiali e garantiscono la possibilità di frequenza delle proprie attività agli
studenti dell´istituzione convenzionata.

La convenzione è stata sottoscritta dal preside della facoltà di Lettere e filosofia,
Alfonso Maurizio Iacono, e dal direttore dell´Accademia delle Belle Arti, Giuseppe
Andreani, alla presenza del prorettore vicario dell´Ateneo, Lucia Tomasi Tongiorgi, del
professor Alessandro Tosi e della professoressa Daniela Grassellini, docente
dell´Accademia e ora anche dell´Ateneo pisano.

La professoressa Tomasi Tongiorgi ha espresso la soddisfazione dell´Università per
l´accordo con una istituzione di grande prestigio quale è l´Accademia fiorentina e
sottolineato come anche attraverso queste collaborazioni le attività accademiche nel
campo della cultura possano aprirsi a un pubblico più ampio. Il direttore dell´Accademia
delle Belle Arti, Giuseppe Andreani, ha a sua volta evidenziato la scelta culturale del
suo ente di confrontarsi sempre più con le istituzioni di rilievo internazionale
presenti sul territorio. Infine, il preside Iacono ha rimarcato la volontà della facoltà
di Lettere di intensificare le occasioni di osmosi tra linguaggi diversi e tra
elaborazioni teoriche ed esperienze pratiche.

Google+
© Riproduzione Riservata