• Google+
  • Commenta
17 ottobre 2007

La TV rende obesi: a Pisa il 63° congresso nazionale di Pediatria

Quello che è venuto fuori dal 63° congresso nazionale della Società Italiana di Pediatria, che si è svolto a Pisa, dal 26

Quello che è venuto fuori dal 63° congresso nazionale della Società Italiana di Pediatria, che si è svolto a Pisa, dal 26 al 29 settembre scorso, è assolutamente preoccupante.
Ci stiamo preparando, seguendo il pessimo esempio americano, a diventare un popolo di obesi, grazie a quella che più di ogni altro elettrodomestico è riuscita negli anni a condizionare le nostre vite: la televisione.
Il dato, decisamente sconcertante, riporta che il 30% della popolazione infantile, compresa tra i 5 ed i 14 anni, è da considerarsi in sovrappeso: in pratica un bambino su tre rischia l’obesità.
Naturalmente la tv da sola non potrebbe certo causare un simile danno; infatti la concausa che favorisce quanto suddetto è la scarsa presenza dei genitori; i quali, sempre più spesso lasciano i propri figli per ore ed ore davanti a schermi, a subire passivamente e senza alcuno spirito critico, una visione distorta del mondo, imposta attraverso migliaia e migliaia di spot, presentata come reale.
E’ sbalorditivo apprendere direttamente dalle parole del professor Giuseppe Saggese, presidente della Società italiana della Medicina dell’adolescenza e presidente del Congresso pisano, quanto il problema in questione sia assai più grave di quanto non si possa credere.
Di quanto sia subdolo, diffusissimo e strettamente correlato ad altri problemi legati all’adolescenza, quali l’abuso di alcool e tabacco ed il fenomeno del bullismo.
“I media”, spiega il professor Saggese, “sono colpevoli di proporre modelli e stili di vita sbagliati, che i bambini acquisiscono con estrema facilità. Il problema non riguarda solo l’obesità, ma anche fenomeni in crescita come il bullismo e l’abuso di fumo e di alcol”.
Oltre al problema dell’obesità infantile, il congresso di Pisa ha affrontato numerosi altri argomenti di grande attualità, quali le malattie croniche degli adolescenti e l’integrazione dei bambini stranieri, che sono oggi oltre cinquecentomila in Italia e presentano caratteristiche ed esigenze mediche che spesso possono trovare impreparati gli operatori del nostro sistema sanitario.
Per reperire ulteriori informazioni in merito o per seguire le date dei prossimi incontri della SIP (Società Italiana di Pediatria) è consigliabile visitare il sito web dell’Associazione, all’indirizzo http://www.sip.it/

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy